La vita dipinta dell'osimano Fontanella in mostra a Roma e dall'8 dicembre alla Mole di Ancona

Venerdì 8 Ottobre 2021 di Lucilla Niccolini
Franco Fontanella all opera

ROMA - A Roma, nella prestigiosa cornice del Complesso Monumentale di San Salvatore in Lauro, sede del Pio Sodalizio dei Piceni, si è inaugurata la mostra “La vita dipinta di Franco Fontanella”, per i 50 anni di attività di questo “artigiano dell’arte” marchigiano. Promossa dalla Regione Marche, con il patrocinio del Ministero della Cultura, l’antologica ricostruisce la vicenda espressiva dell’artista. Nato a Osimo nel 1954, ha perseguito tenacemente, da autodidatta dotato e curioso, la conquista della tecnica pittorica, su tela e ad affresco, in controtendenza rispetto alle mode e alle correnti.
Affascinato dall’arte rinascimentale, ha affiancato, alla riproduzione fedele dei capolavori del passato e alla pittura murale, la ricerca figurativa, che lo ha portato a un’interessante produzione di carattere iperrealista: nature morte e paesaggi marchigiani, con particolare predilezione per le vedute della Riviera del Conero. Scrive di lui Stefano Papetti, direttore dei Musei civici di Ascoli Piceno, che nella curatela della mostra è stato affiancato da Gino Troli, Vittorio Sgarbi e Francesco De Melis: «Franco Fontanella, che un’innata passione ha spinto a dipingere fin da adolescente, è un caso atipico nel contesto artistico del XXI secolo, per la qualità tecnica, che i suoi dipinti esprimono a livello altissimo. In un’epoca in cui gli aspetti tecnici del fare artistico vengono spesso sottovalutati, Fontanella riafferma che non è possibile trasmettere emozioni se non si conoscono i mezzi attraverso i quali esprimerle. Insomma la sua cinquantennale attività, che questa mostra vuole ricordare, attesta che la creatività, se non è sostenuta dalla competenza tecnica, lascia sempre qualcosa di inespresso». Nelle più diverse tecniche, Fontanella si è cimentato con comprovata perizia, a partire dalla pittura ad affresco, con cui ha realizzato grandi opere di arte sacra, ma anche raffigurazioni laiche per edifici pubblici e case private. E vanta un’esperienza pluriennale nella pittura a monocromo su vetro, la “grisaille”, e nella produzione di vetrate artistiche, in collaborazione col maestro vetraio Paolo Cupido. La sua abilità e la conoscenza dell’arte classica gli hanno permesso anche di diventare un esperto restauratore.
La mostra di Roma si chiude il 1° novembre, per essere poi trasferita alla Mole di Ancona, dove sarà inaugurata l’8 dicembre. Ogni giorno, dal lunedì al sabato (ore 10-13 e 16-19), a ingresso libero, nelle sale del Complesso di San Salvatore in Lauro si possono ammirare circa 90 dipinti. Con l’ausilio di video-installazioni, tra cui un’opera di video-arte dedicata da Francesco De Melis al gesto dell’artista, in particolare nell’affresco, Franco Fontanella si rivela al pubblico di romani, di marchigiani residenti nella Capitale e di visitatori italiani e stranieri, che apprezzeranno in particolare le marine e i notturni. «Ogni volta egli sa raccogliere – testimonia Gino Troli, presidente dell’Amat e co-curatore della mostra - la preziosa trama di una realtà che lo sguardo sa ancora percepire e che la pittura ormai sola sa tramandare».

© RIPRODUZIONE RISERVATA