Flavio Insinna, lite con un giornalista
alla presentazione del nuovo programma

Flavio Insinna, lite con un giornalista alla presentazione del nuovo programma
Flavio Insinna, lite con un giornalista alla presentazione del nuovo programma
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 15 Novembre 2017, 11:59 - Ultimo aggiornamento: 16:28

ROMA - Lite tra Flavio Insinna e un giornalista dopo la conferenza stampa di presentazione di «Prodigi», la nuova trasmissione che andrà in onda su Rai1. 

Diretta 15 novembre Unicef from Flavio Insinna Fans Club on Vimeo.


Insinna si è arrabbiato con il reporter, che gli avrebbe dato del «vecchio e riciclato». La lite termina con Insinna che dice al giornalista «Ci siamo salutati definitivamente... per sempre!». A qualcuno è sembrato che avesse detto "pezzente" ma lo stesso conduttore ha smentito categoricamente in un video disponibile al seguente LINK. La scena è stata ripresa dai presenti ed è stata ricostruita dallo stesso giornalista, Massimo Galanto, di TvBlog: «Dopo aver spento il registratore ed essermi nuovamente seduto in sala, Insinna si è avvicinato rivolgendo nei miei confronti parole dure sostenendo che io gli abbia dato del vecchio e del riciclato».

GUARDA IL VIDEO 

Qualche minuto più tardi, racconta ancora Galanto, è intervenuto un rappresentante di Unicef, sponsor dell'evento televisivo, che «mi ha chiesto se fossi disposto a stringere la mano al conduttore, in segno di riappacificazione. Non avendo nulla di personale contro Insinna, ho accettato senza nessuna resistenza. Così, dopo un primo vano tentativo, la stretta di mano c'è stata».

In quel frangente Insinna ha rincarato la dose: «È l'ultima intervista della mia vita con te, però va bene così - ha detto Insinna prima di minacciare - Pesa quello che scrivi, perché ho gli avvocati pronti per tutti. Da quando ci sei tu, sono state solo secchiate di offese». «Se ti ho offeso, querelami», risponde allora Galanto, prima dell'ultimo saluto dell'ex presentatore di Affari Tuoi: «Guarda, ci siamo salutati definitivamente, grazie. Per sempre».

© RIPRODUZIONE RISERVATA