Tutte le sfumature del sax a Ostra Vetere, rassegna di concerti e masterclass per 70 giovani talenti

Lunedì 2 Agosto 2021 di Lucilla Niccolini
Federico Mondelci alla presentazione di MonteSaxNovo

OSTRA VETERE - Sulle colline che guardano dall’alto il mare di Senigallia, agosto ha il suono del sassofono. A Ostra Vetere, da oggi al 26, si rinnova per il terzo anno il MonteSaxNovo Festival. L’ha ideato Federico Mondelci, sassofonista che dalla nostra regione è arrivato a conquistare fama internazionale. E nella cittadina dov’è nato, e dove è tornato a vivere, ha fondato l’Accademia Italiana del Sassofono, in seno alla quale si tiene un corso di alto perfezionamento.

 

Oltre 70 giovani talenti si ritroveranno nell’ospitale borgo, per seguire le lezioni dello stesso Mondelci e dei maestri di rango invitati dal direttore artistico.


La masterclass
Corollario della masterclass, lungo tutto il mese si snoda una rassegna di spettacoli per il pubblico, con un ricco cartellone di concerti ed eventi. Presentata a Senigallia dal maestro Mondelci, la manifestazione è organizzata dall’Associazione Culturale Lemuse, in collaborazione con il Comune di Ostra Vetere, con il patrocinio dell’Unione dei Comuni “Le Terre della Marca Senone”, con il supporto di Regione Marche e di BCC di Ostra Vetere.


Il logo di Cemak
Per il festival, Leonardo Cemak ha disegnato un elegante logo, in cui una ballerina si libra con un sassofono in mano. Sette sono i concerti, che saranno tenuti da artisti internazionali impegnati nel repertorio classico e nel jazz. Con Federico Mondelci, tra gli altri, Enrico Pieranunzi, Alessandro Quarta, Javier Girotto, Baptiste Herbin, Gianni Iorio e Fabio Furia si esibiranno tra la centralissima piazza Satellico di Ostra Vetere e l’Anfiteatro romano, nella zona archeologica “Le Muracce” (Pongelli).

Molte delle esecuzioni saranno dedicate a celebrare il centenario della nascita di Astor Piazzolla. E nella seconda metà di agosto, potremo assistere a “I Maestri in Concerto”, le esibizioni dei docenti impegnati nella masterclass, destinate agli allievi, provenienti da tutto il mondo. Le esecuzioni hanno un biglietto simbolico; gratuito sarà il saggio finale, il 26 agosto, tenuto dai giovani, a completamento del corso, al Polo Museale e nei luoghi più suggestivi del borgo.


Due eventi straordinari, infine, si collocano all’inizio e a metà del lungo mese del sassofono a Ostra Vetere. Domani, 3 agosto, alle 19 a piazza Satellico, sarà presentato il volume “Ostra: archeologia di una città romana delle Marche”, a cura di Pier Luigi Dall’Aglio e Carlotta Franceschini. E al termine, alle 21, assisteremo al concerto “Itaca”. Le poesie di Orfeo Pagnani, accompagnate dalle musiche composte ed eseguite da Federico Mondelci, sapranno creare, con la regia di Giuseppe Gigli, un’indimenticabile atmosfera mediterranea.

E il 16 agosto, alle 17.30 nella pinacoteca del Polo Museale di Ostra Vetere, si inaugurerà la mostra personale di Maurizio Calenti, “Un sogno ricorrente”, curata da Claudio Marcantoni ed Enzo di Salvatore. Alcune opere saranno esposte anche nel granaio dell’Azienda Bucci, a Pongelli, dove l’arte si sposa al verdicchio eccellente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA