Lo Spilla cala il terzo asso della kermesse estiva, dopo The Tallest Man On Earth e Nu Genea sul palco Lodo Guenzi de Lo Stato Sociale

Lodo Guenzi
Lodo Guenzi
di Andrea Maccarone
3 Minuti di Lettura
Giovedì 5 Maggio 2022, 15:12

ANCONA - Il festival Spilla cala il terzo asso. Quest’estate sul palco della Mole Vanvitelliana di Ancona, oltre a The Tallest Man On Earth e Nu Genea, si esibirà anche Lodo Guenzi de Lo Stato Sociale (mercoledì 29 giugno). L’artista bolognese porterà in scena un nuovo spettacolo che lo vedrà impegnato in veste solista in una dimensione più teatrale.


Il nuovo show di Lodo Guenzi si chiama “Uno spettacolo divertentissimo che non finisce assolutamente con un suicidio”. Sul palco sarà da solo. Ma con accanto un pianoforte dove, ogni tanto, poserà le mani per interpretare alcuni dei suoi maggiori successi. Sarà una storia autobiografica, che parla principalmente della sua adolescenza da cui, come ha dichiarato lo stesso Lodo «se ne esce vivi, e adulti». Una dicotomia che spezza il legame degli opposti: vivo o morto. Perché nella narrazione ci sarà una parte che parlerà di bullismo, di cui lui stesso è stato vittima. Ecco il perché di una storia «che non finisce assolutamente con un suicidio».

Perché dalla sofferenza di un adolescente vessato è nato il successo di un artista maturo e pieno di sogni, in parte realizzati e in parte ancora da realizzare. Dunque il nuovo spettacolo di Lodo Guenzi gioca con gli stati emotivi dell’animo umano facendo ridere, piangere e riflettere. E accanto a tutto questo c’è spazio anche per la musica, per ripercorrere a ritroso quegli spazi temporali che l’artista andrà a ripescare dal baule dei ricordi. Ingresso 15 euro più diritti di prevendita. I biglietti sono disponibili nel circuito ticketmaster.it e ticketone.it.


Il festival Spilla è da sempre un punto di riferimento per la musica internazionale che nasce dall’universo indipendente per approdare al mainstream. Infatti anche per la nuova edizione della kermesse non mancheranno nomi di rilievo del panorama internazionale. Il 6 luglio, ad esempio, sempre sul palco della Mole Vanvitelliana, sarà la volta del Bob Dylan svedese: The Tallest Man On Earth. Il cantautore scandinavo arriva in Italia con “I Love You. It’s A Fever Dream”, un album intimo e acustico e che ci riporta al periodo dei suoi stessi esordi. Il nuovo lavoro, scritto e prodotto dal cantautore, è stato registrato quasi interamente nel suo appartamento di Brooklyn, a New York. Mentre il 9 luglio toccherà al duo napoletano-berlinese Nu Genea, la vera new entry della scena disco-funk europea. Massimo Di Lena e Lucio Aquilina sono due giovani musicisti e producers napoletani stanziati a Berlino ormai da anni. Ed è proprio nel loro quartier generale nel cuore d’Europa che hanno dato vita al meltin’ pot musicale che rispecchia esattamente quanto succedeva nella Napoli degli anni ’70, dove il groove del funk americano incrociava la tradizione sonora italiana.


Il loro sound respira aria di metropoli internazionali e parla lingue diverse, tra cui anche il napoletano ovviamente. Il singolo “Marechià”, pubblicato l’anno scorso, è diventato una hit da dancefloor ed è stato suonato da migliaia di dj in tutta Europa. Ad aprire il concerto dei Nu Genea sarà il cantautore siciliano Marco Castello. Classe 1993, è una delle novità più interessanti dell’attuale scena italiana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA