Il docu dedicato al danzatore Spadolini finalista al Bellaria Film Festival

Giovedì 17 Settembre 2020
L'artista anconetano Alberto Spadolini
ANCONA - “Spadò, il danzatore nudo”, il documentario della durata di 45 minuti che racconta la vita dell’artista Alberto Spadolini (Ancona 1907 – Parigi 1972), è finalista della 38esima edizione del Bellaria Film Festival. Registrato al Vittoriale di Gabriele d’Annunzio, ad Ancona dove l’artista è nato, a Porto Sant’Elpidio dove risiede l’ultimo dei suoi amici, e a Fermo dove il suo archivio è stato ritrovato, il documentario è arricchito dalle immagini e dalle musiche della Parigi anni ’30, e dalla danza selvaggia di Spadolini su di un enorme tamburo del regista Pierre Caron (1936).
Fra gli intervistati il presidente del Vittoriale Giordano Bruno Guerri, lo storico dell’arte Stefano Papetti, il filosofo Antonio Luccarini, la storica della danza Rosella Simonari e lo studioso di arte e simbologia Fabio Filippetti.
Passando attraverso i lussuosi salotti di Gabriele d'Annunzio, il giovane scenografo Alberto Spadolini approda nella Ville Lumiere dove si scopre danzatore, conteso da Joséphine Baker e Mistinguett, coreografo amato da Maurice Ravel e Marlene Dietrich, pittore ammirato da Jean Cocteau e Max Jacob, regista con Django Reinhard e Suzy Solidor.
  © RIPRODUZIONE RISERVATA