Tavullia, il territorio diventa un brand. E Valentino apre il Ranch al Comune

Martedì 21 Luglio 2020 di Gianluca Murgia
Tavullia, il territorio diventa un brand. E Valentino apre il Ranch al Comune

TAVULLIA Come entrare nell’Area 51. E pazienza se gli alieni con il casco e motore acceso non c’erano: il Ranch, anche senza Valentino e i suoi riders, resta un “All you can eat” delle pupille. Ogni angolo, un cimelio customizzato Vr46, all’interno di una valle da film, che fa molto Contea di Hazzard, sulla quale, gli occhi di tifosi e curiosi, di solito, si posano voraci solo dalle strade in lontananza. I cancelli (comunque sotto rigido controllo) si sono aperti ieri per presentare il progetto di city brand di Tavullia.

LEGGI ANCHE:

Riccione, ragazza positiva: 40 in isolamento. Paura per la serata in discoteca
 

«Questo è il posto che ci identifica di più al mondo e per questo ringraziamo Vale per l’ospitalità - ha spiegato la sindaca Francesca Paolucci -. Tavullia è già conosciuta: se vai in giro per il mondo basta dire che abiti dove c’è Valentino Rossi. Ora, dopo 5 anni in cui mi sono sentita una capo cantiere, con sei milioni di investimenti, guardiamo al futuro con un brand che la gente dovrà sentire proprio». Per ora è solo una grande “T” su un manifesto, un video esplicativo lanciato sul Web e un questionario che tutti (residenti e non, adulti e bambini) potranno compilare in forma anonima fino al 31 luglio per dare una propria visione di Tavullia (si trova sul sito del Comune e in tutti gli esercizi commerciali). Domande all’apparenza semplici (Se Tavullia fosse un colore?) e altre meno scontate (Chi vorresti come cittadino onorario?). «Valentino non lo ha ancora visto ma siamo sicuri che anche lui risponderà...» ha rimarcato la sindaca, complimentandosi anche con Luca Marini, annunciando che, a breve, aprirà a Babbucce il Fan Club di Franco Morbidelli e ricordando che al posto della vecchia scuola elementare sorgerà la piazza che Tavullia, ora, non ha. Sarà compito di Acanto Comunicazione («Quella che 25 anni fa ideò il brand Vr46» ha ricordato il co founder Carlo Beccatti) tradurlo in un marchio che tutti utilizzeranno, capace di condensare e creare identità cittadina in uno dei Comuni più estesi della provincia ma con una densità urbanistica tra le più basse (180 abitanti a Km quadro). 

«Anche un territorio può essere un brand, perché racconta le sue attitudini - ha spiegato Vittoria Podrini di Acanto - Lo presenteremo a settembre». Erano presenti, oltre alla giunta, vari imprenditori (tra cui Livi della Fiam) e il mondo delle associazioni, da Papalini a Giordano (Confidustria) passando per Tiviroli (Mms), Pieri (Aspes), Paccapelo (Terra di Piloti e di Motori) e Fratesi del Fan Club Vr46. «Questo percorso servirà per creare una immagine unica del nostro Comune - ha spiegato la consigliera comunale Alice Pazzaglini -, per rafforzarne il senso di appartenenza e condivisione». Tavullia c’è. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA