Campus scolastico di via Lamarmora: approvati gli espropri per la palestra. Ecco i tempi dell'intervento

Mercoledì 27 Ottobre 2021
Campus scolastico di via Lamarmora: approvati gli espropri per la palestra. Ecco i tempi dell'intervento

PESARO  - La gara di appalto è alle battute finale per scegliere la ditta. Si è presentata una sola ditta, ed è in corso la verifica dei documenti depositati, per poi procedere con l’aggiudicazione definitiva. E ora arriva un altro tassello per la realizzazione della palestra Olivieri, a servizio del campus scolastico di via Lamarmora. La giunta ha approvato ieri l’acquisizione, tramite esproprio, delle aree a ridosso della Brancati, la nuova Oliveri, utili alla realizzazione del nuovo impianto sportivo che seguirà l’aggiudicazione definitiva dei lavori alla ditta e il via ai lavori previsto per la primavera.

 

«Una struttura omologata dal Coni per le competizioni agonistiche – ricorda Enzo Belloni, assessore all’Operatività – che prevede circa 200 posti a sedere e che prevede anche la realizzazione di un parcheggio a raso al servizio dei plessi e della cittadinanza. È un intervento decisivo sia per le attività scolastiche sia per quelle extrascolastiche del territorio che conferma sempre più Pesaro quale città dello sport. Un impianto determinante anche per la sua funzione di «attrattore di un turismo sportivo in crescita e su cui stiamo investendo».

Il costo dell’intervento, pari a 3,2 milioni di euro, è finanziato in parte (2,6 milioni) da fondi ministeriali, in parte da un mutuo finanziato tramite il Credito Sportivo. La superficie complessiva prevista dall’intervento è di circa 1.400 mq ed è composta da un’area di gioco e per il pubblico; da servizi per gli utenti e per il personale; da un camminamento coperto fino all’ingresso principale e a quelli secondari; da un altro collegamento coperto che condurrà sino alla scuola Olivieri.

«I lavori - continua Belloni - consentiranno di realizzare una struttura all’avanguardia, altamente sostenibile e dal basso impatto ambientale anche grazie all’impianto fotovoltaico integrato al sistema di “tetto a verde”, composto da una vegetazione che richiede scarsa manutenzione, dalle alte capacità di rigenerazione e auto propagazione, perfetta «per ottimizzare il rendimento dell’impianto stesso. La palestra di via Lamarmora sarà un’altra struttura decisiva per sviluppare il settore sportivo, importante per il turismo e per la promozione del benessere». 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA