Aggressioni, furti e coltelli: il "boss" della baby gang compie 18 anni e scattano le manette per spaccio

Mercoledì 6 Ottobre 2021
Aggressioni, furti e coltelli: il "boss" della baby gang compie 18 anni e scattano le manette per spaccio

PESARO - Lui è un ragazzo di appena 18 anni, già in carcere con l’accusa di spaccio. Ora la squadra mobile gli contesta altri fatti come rapine, furti, botte a minorenni. Cinque episodi, tali da far scattare una nuova misura cautelare per il ragazzino della baby gang di piazza Redi. E’ lo stesso che poche settimane fa era stato trovato in un albergo in zona mare con un 17enne e un 13enne con della marijuana e una pistola scacciacani, ma senza tappo rosso.

 

Per lui e altri due ragazzini era stato emesso anche un Daspo per i danneggiamenti alla scuola don Gaudiano ed altri episodi consumati in piazza redi, come il pugno in faccia a un passante che aveva negato ai giovani una sigaretta. Gli investigatori della Mobile, diretti da Eleonora Cognigni, hanno eseguito la misura della custodia cautelare in carcere nei confronti di un soggetto neomaggiorenne, ritenuto responsabile di alcuni episodi di rapina e furto pluriaggravati. Emersa la responsabilità dell’indagato in almeno 5 episodi delittuosi, verificatisi a Pesaro tra febbraio e agosto 2021. Nel primo episodio, il giovane, in compagnia di amici minorenni, dopo aver gettato a terra un coetaneo, lo aveva minacciato con un coltello e gli aveva sottratto alcuni euro e un telefono. In un'altra circostanza, invece, lo stesso aveva spintonato e minacciato due minorenni, per farsi consegnare del denaro, colpendone uno con un pugno. Il ragazzo ed un altro minorenne sono risultati coinvolti anche in un furto con effrazione consumato ai danni di uno stabilimento balneare In un altro episodio il 18enne si era impossessato di una City Bike da uomo. Lo stesso indagato sarebbe poi responsabile anche di un furto ai danni di un’anziana signora

Ultimo aggiornamento: 7 Ottobre, 08:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA