Fiaccole per il buio della guerra, a Montecchio sfila la marcia della pace: con politici e cittadini anche le famiglie ucraine

Ucchielli alla testa della fiaccolata
Ucchielli alla testa della fiaccolata
di Luca Senesi
2 Minuti di Lettura
Martedì 22 Marzo 2022, 05:40

VALLEFOGLIA Luci nel buio, fiaccole contro la guerra, Due iniziative di solidarietà ieri a Vallefoglia: una contro la mafia e l’altra contro la guerra, entrambe fortemente volute dall’Amministrazione comunale. In serata si è svolta a Montecchio la fiaccolata contro la guerra e a sostegno del popolo Ucraino. Con ritrovo nel piazzale adiacente la Chiesa Santa Maria Assunta, il corteo ha raggiunto Piazza dei Quartieri per manifestare. Alla fiaccolata hanno aderito le associazioni di volontariato del territorio comunale, Croce Rossa, Parrocchie, Caritas, Protezione Civile, Carabinieri in congedo, Reduci e Combattenti, Avis, Pro Loco, Circoli Ricreativi, Società Sportive, i Sindaci dei Comuni limitrofi e Amministratori Locali.

All’arrivo, in Piazza dei quartieri, dopo un breve intervento del sindaco Ucchielli, i maestri Claudio Sanchioni e Roberto Vagnini hanno eseguito una famosa canzone ucraina dal titolo Verbovaya Doschechka suonata in questi giorni in un bunker di Kiev con il coinvolgimento contemporaneo di 94 violinisti di tutto il mondo. Alla fiaccolata erano presenti anche alcuni profughi attualmente ospitati dalle famiglie residenti nel Comune di Vallefoglia. Per celebrare la “Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie” ieri mattina il sindaco Palmiro Ucchielli insieme al dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo Statale Pian del Bruscolo Daniela Pasciuti e agli assessori all’Istruzione Barbara Torcolacci e alla Cultura Mirco Calzolari, hanno depositato una composizione floreale nel Polo Scolastico di Bottega. Il luogo è altamente significativo dal momento che è stato intitolato a Carlo Alberto Dalla Chiesa, Piersanti Mattarella, Pio La Torre e Attilio Romanò, quattro grandi uomini che hanno perso la vita proprio per mano della mafia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA