Rifiuti, addio porta a porta: nel centro di Pesaro le ecoisole che premiano i virtuosi e puniscono i furbetti

Rifiuti, addio porta a porta: nel centro di Pesaro le ecoisole che premiano i virtuosi e puniscono i furbetti
Rifiuti, addio porta a porta: nel centro di Pesaro le ecoisole che premiano i virtuosi e puniscono i furbetti
di Letizia Francesconi
4 Minuti di Lettura
Martedì 11 Ottobre 2022, 02:25

PESARO Presentata ufficialmente la nuova raccolta dei rifiuti in centro a Pesaro che archivia il porta e porta e premierà gli utenti più virtuosi e bravi a conferire gli scarti che finiranno tutti nelle isole ecologiche che in questi giorni vengono posizionate in centro.  L’inizio della sperimentazione targata Comune e Marche Multiservizi partirà dal prossimo 24 ottobre e all’incirca durerà sei mesi.Si parte da una zona per poi estendersi gradatemente all’intera Ztl. Da ieri le batterie di cassonetti intelligenti andranno via via a popolare il perimetro ztl compreso fra viale XI Febbraio, via Gramsci, via San Francesco e che interessa che oltre 900 utenze. L’installazione dei contenitori apribili solo con la tessera magnetica Carta Smeraldo, non comprometterà la sosta ha rassicurato al tavolo l’assessore all’Operatività Enzo Belloni. Trovata la soluzione che permette il recupero dei posti auto che andranno persi in via Nobili, via del Moro, via Spada, via Bruno, via Morselli e via Contramine, ovvero dove saranno collocate le ecoisole. Dal primo dicembre scatterà anche il meccanismo di premialità con buoni spesa di prodotti alimentari per il cittadino-utente virtuoso: si tratta di “Buono per te. Buona per tutti”, questo lo slogan studiato dal Comune e dai vertici di Mms.

La tracciabilità

Tracciabilità: a completamento della prima fase sperimentale l’adesione al bonus raccolta sarà volontaria assicura Franco Macor, direttore della divisione Ambiente di Multiservizi. La tracciabilità del rifiuto, premiando coloro che sono ligi e sanzionando chi “sgarra” è una delle principali novità della nuova raccolta con isole ecologiche di prossimità. Ecco come funziona: «Con verifiche a campione – rilanciano il sindaco Matteo Ricci e Macor – saremo in grado di premiare chi ben conferisce le varie tipologie nei cassonetti intelligenti, e sanzionare chi invece lascia ancora in giro per il centro i propri sacchetti o conferisce male. In pratica il cittadino che risponde all’iniziativa a premi sceglierà se applicare sul proprio sacchetto della frazione indifferenziata da conferire un codice a barre fornito dal gestore, riconducile al civico di residenza e alla zona di conferimento. Ogni 15 giorni a rotazione e a campione, una commissione tecnica di Multiservizi estrarrà una zona da cui iniziare il controllo. Dal singolo contenitore dell’indifferenziato si prenderanno solo quei sacchetti che avranno apposto il codice identificativo. Ne verranno estratti cinque per controllare che all’interno non ci siano altri rifiuti “recuperabili” ma mal conferiti. E se questi cittadini hanno fatto una buona raccolta avranno diritto a un buono acquisto per la spesa del valore di 30 euro che dovrà essere richiesto presso la sede del quartiere, e utilizzabile in negozi e supermarket convenzionati». 

Il futuro per tutto il centro storico


Si guarda già avanti: Ricci rilancia sull’estensione della sperimentazione, se come crede gli esiti saranno soddisfacenti anche al resto del centro storico in modo che il servizio sia completato entro il 2024. «Se il bonus a premi darà come spero buoni risultati – annuncia – allora il sistema del tracciamento con l’uso del codice a barre dovrà essere apposto in ogni sacchetto e ogni cittadino dovrà avere il proprio codice identificativo, che permetterà di controllare l’efficacia e la qualità della raccolta». Quanto ai posti auto persi anche a questo si sta trovando rimedio. «La zona A di sperimentazione avrà complessivamente circa 29 contenitori di raccolta – spiega l’assessore Belloni – rispetto al conto degli stalli che verranno meno, l’ufficio Viabilità ha già individuato 9-10 posti auto che saranno recuperati su via Buozzi e a fianco alla palestra Carducci, dove c’è un senso unico e due corsie di marcia. Saranno stalli gialli riservati ai residenti ztl che verranno muniti di permesso. Se si renderanno necessari poi altri posti ci sono comunque le alternative percorribili per esempio in via Bramante, viale XI Febbraio e limitrofe». «Chiediamo come Comune - prosegue - con Marche Multiservizi piena collaborazione dei cittadini. Le isole ecologiche saranno tutte videosorvegliate, molti apprezzano la bontà dell’operazione ma nessuno vuole il contenitore a fianco della propria attività economica o sotto casa. La distanza massima per uscire dal proprio palazzo e conferire è una semplicissima passeggiata di 170 metri».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA