Negoziati, la Russia non chiede più di «denazificare» l'Ucraina: via libera a ingresso nell'Ue. La bozza del Ft

Negoziati, Ft: la Russia non chiederà più di «denazificare» l'Ucraina, via libera a ingresso nell'Ue
Negoziati, Ft: la Russia non chiederà più di «denazificare» l'Ucraina, via libera a ingresso nell'Ue
2 Minuti di Lettura
Lunedì 28 Marzo 2022, 23:45 - Ultimo aggiornamento: 29 Marzo, 15:20

La Russia non chiede più che l'Ucraina venga «denazificata» ed è pronta a lasciare che Kiev aderisca all'Ue a patto che rimanga militarmente non allineata. Lo riferiscono al Financial Times quattro persone informate sui negoziati in corso tra negoziatori russi e ucraini. Nella bozza del documento per il cessate il fuoco, sottolineano le fonti, non compaiono più le parole «denazificazione», «smilitarizzazione» e protezione legale per la lingua russa.

Scenario coreano, la nuova strategia di Putin: creare un'Ucraina del Nord e una del Sud. Cosa significa

 

Negoziati, la bozza rivelata dal Financial Times

David Arakhamia, capo del partito del presidente ucraino Volodymyr Zelensky in parlamento e membro della squadra negoziale di Kiev, ha detto al Financial Times che le parti sono vicine all'accordo sulle garanzie di sicurezza e sull'entrata dell'Ucraina all'Ue, ma ha esortato alla cautela sulle prospettive di una svolta. «Tutte le questioni» sono state «sul tavolo sin dall'inizio» dei negoziati, ma «molti punti sono irrisolti», ha detto Arakhamia. Un'altra fonte informata sui colloqui ha affermato che l'Ucraina era preoccupata per il fatto che la Russia stesse cambiando posizione quasi ogni giorno, sia in termini di pressione militare che sulle richieste come la «smilitarizzazione» di Kiev.

© RIPRODUZIONE RISERVATA