Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Coronavirus, mascherine con prezzo maggiorato fino al 1500%: sequestri anche nelle Marche. Andranno agli ospedali

Coronavirus, mascherine con prezzo maggiorato del 1500%: sequestri anche nelle Marche. Andranno agli ospedali
Coronavirus, mascherine con prezzo maggiorato del 1500%: sequestri anche nelle Marche. Andranno agli ospedali
3 Minuti di Lettura
Venerdì 27 Marzo 2020, 16:07

ANCONA - Mascherine con prezzo maggiorato anche del 1500% approfittando dell'allarme Coronavirus: la Finanza ne sequestra migliaia, anche nelle Marche. Saranno date agli ospedali.

LEGGI ANCHE:
Spiraglio nell'emergenza Coronavirus: i positivi nelle Marche oggi sono "solo" 82. Totale a 3.196 /I malati e i ricoverati in Italia in tempo reale

Coronavirus, bollo auto e tasse per i bagnini rinviati al 31 luglio/ L'elenco di tutti i tributi sospesi


I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Taranto hanno sottoposto a controllo esercizi commerciali che ponevano in vendita dispositivi di protezione individuale al fine di valutarne le oscillazioni di prezzo in relazione alla difficoltà di reperimento. Dai riscontri, spiega una nota, è stato accertato che la variazione in aumento dei prezzi in termini percentuali oscillava tra il 700% e il 1500% circa. Mascherine che nel 2019 venivano acquistate a 0,50 centesimi di euro ora, in piena crisi sanitaria, venivano proposte in vendita agli Enti pubblici ad oltre 5 euro il pezzo ed ai privati anche a 35 euro. Così la Procura della Repubblica di Taranto ha emesso un decreto di perquisizione finalizzato al sequestro di tutte le mascherine pronte per la commercializzazione nella disponibilità del fornitore degli esercizi commerciali tarantini denunciati per aver praticato prezzi esorbitanti. Il provvedimento è stato eseguito presso le 15 sedi ubicate sul territorio nazionale della società avente sede legale a Milano e sedi secondarie in Campania, Lazio, Liguria, Puglia, Emilia Romagna, Toscana, Sicilia e Marche. Tutti i dispositivi sequestrati verranno messi, tramite i Prefetti territorialmente competenti, a disposizione del Dipartimento di Protezione Civile per i necessari provvedimenti di acquisizione ai fini della successiva distribuzione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA