Sospesa l'ordinanza di Ceriscioli, il Tar riapre scuole e musei nelle Marche

Giovedì 27 Febbraio 2020
Sospesa l'ordinanza, il Tar riapre scuole e musei nelle Marche

ANCONA - Cambia di nuovo tutto. Il Tar Marche, con decreto urgente del suo presidente, ha sospeso in via cautelare l'ordinanza con cui la Regione Marche aveva disposto la chiusura di scuole, musei e inibito tutte le manifestazioni pubbliche di qualsiasi natura fino alle ore 24,00 del 4 marzo 2020 al fine di contrastare la diffusione del coronavirus

LEGGI ANCHE: Coronavirus, altri due casi positivi: le Marche zona rossa. Ceriscioli-Conte, il duello al Tar

LEGGI ANCHE: Coronavirus, l'ordinanza che chiude le Marche. Stop a cinema, discoteche, fiere e mercati straordinari. Come orientarsi

LEGGI ANCHE:  Coronavirus, il post della ragazza con la leucemia: «Lasciate le mascherine a noi immunodepressi»

LEGGI ANCHE: Coronavirus, sospiro di sollievo a Piandimeleto: sono negative le analisi del 51enne

"Lo Stato c'è e si fa rispettare. Avevamo impugnato l'ordinanza della Regione Marche e il Tar l'ha sospesa. Oggi, 12 Regioni hanno firmato l'ordinanza unica condivisa nella riunione con il governo, costruita sulle direttive del Ministero della Salute, della protezione civile e dell'istituto superiore di sanità. Puntiamo ad omogeneizzare nel giro di qualche giorno l'azione di tutte le Regioni. L'Italia sta già ripartendo. Mi auguro che il presidente Ceriscioli metta in sicurezza i cittadini marchigiani firmando l'ordinanza unica". Così il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, commenta la decisione del Tar Marche di sospendere l'ordinanza del presidente della regione, Luca Ceriscioli.

 
 

Ultimo aggiornamento: 19:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA