Coronavirus, altri due casi positivi: le Marche zona rossa. Ceriscioli-Conte, il duello al Tar

Giovedì 27 Febbraio 2020 di Maria Cristina Benedetti
Coronavirus, altri due casi positivi:le Marche zona rossa. Ceriscioli-Conte, il duello al Tar

ANCONA - Le Marche entrano in zona rossa con la prepotenza del caos amministrativo-sanitario: un caso conclamato di Coronavirus, altri due tamponi positivi al test e uno strappo istituzionale definito da fonti governative «irrecuperabile». Mentre in una stanza super blindata del reparto di Malattie infettive dell’ospedale regionale di Torrette il 29enne di Vallefoglia, che ha avuto la prontezza di mettersi in quarantena volontaria, fa lievitare il conto delle persone colpite da Covid-19 in Italia - 400 in dieci regioni - Luca Ceriscioli, oltre a tentare di arginare l’aggressivo virus importato dalla Cina, deve respingere gli attacchi capitolini. Il governatore marchigiano Pd, messo in discussione per una sua ricandidatura alle Regionali, viene tacciato di un «atteggiamento gravemente scorretto». Tant’è che l’esecutivo impugna la sua ordinanza di chiusura delle scuole, emanata martedì contravvenendo all’ordinanza del governo. Un blocco, che varrà fino al 4 marzo, esteso anche alle manifestazioni pubbliche. Ceriscioli non retrocede d’un passo, figuriamoci ora che è finito in zona rossa. 

LEGGI ANCHE: Il giallo degli ottantenni di Fano: sono i primi due casi autoctoni. Non si sono mai mossi dal territorio

Mascherine a 5mila euro: denunce e sequestri anche nelle Marche per i "furbetti" del coronavirus

LEGGI ANCHE: Allarme coronavirus, mascherine come l'oro: forzato il cancello dell'azienda che le produce

L’emergenza varca per la prima volta i confini regionali martedì mattina, con il caso positivo di un cacciatore-ristoratore che abita a Morciano di Romagna, in Valconca, a un soffio dalle Marche. In tarda serata il virus è già qui, in territorio Pesarese: il 29enne che vive tra Vallefoglia e Piacenza, responsabile sviluppo di Lidl a Somaglia, cinque chilometri da Codogno, epicentro della zona rossa, tornato a casa lo scorso weekend, è contagiato: evidenziato dai primi test, viene ribadito dalla contro-verifica nel centro diagnostico di riferimento nazionale dell’Istituto superiore di sanità, a Roma. Il giovane è ricoverato, in buone condizioni, all’Ospedale di Torrette. Di lui Ceriscioli elogia il «comportamento di buona attenzione»: non è andato al pronto soccorso né dal medico, ma ha seguito il triage telefonico. I tamponi per la fidanzata e per l’anziana madre sono negativi. Il virus non indietreggia, come Ceriscioli: in serata risulta positiva, in attesa di conferma dall’Istituto superiore di sanità, una coppia di anziani di Fano. Sono i primi esempi di contagio autoctono, con molte relazioni, ma nessun contatto con i luoghi-focolai: in tarda serata sono stati trasferiti dal pronto soccorso di Pesaro - che verrà disinfestato - all’ospedale di Torrette. Il terzo tampone positivo è fuori giro. È un uomo contattato dall’ospedale di Rimini: l’operaio 56enne aveva accompagnato in un viaggio in Romania l’amico, il ristoratore contagiato dal virus. Residente a Piandimeleto, è in quarantena con i familiari. I timori si contano pure: sono state 1.099 le telefonate arrivate al Numero Verde Coronavirus 800936677 della Regione Marche. 

LEGGI ANCHE: Ascoli, coronavirus, due casi sospetti in Riviera: negativa una donna, fiato sospeso per un ragazzo

L’epidemia scende verso sud, dirompe nelle Marche dove scattano misure di prevenzione anti-contagio contestate dal governo nazionale e dal capo della Protezione civile Angelo Borrelli. Si va allo scontro istituzionale con la decisione, del Consiglio dei ministri, d’impugnare l’ordinanza. Il premier Conte attacca Ceriscioli a “L’Aria che tira” in onda su La7: «Ci ha sorpreso che dopo che tutti avevano concordato sul protocollo suggerito, le Marche hanno realizzato uno scarto, una deviazione». Assesta il colpo: «Questo non va bene perché se ognuno assume iniziative per conto proprio si crea una confusione generale del Paese difficile da gestire». Le Marche-caso-nazionale, tuttavia, non scoraggiano il governatore che tira dritto e a fine giornata - dopo la prima riunione della cabina di regia - torna in diretta Facebook per annunciare che la sua ordinanza oggi arriverà sul tavolo di tutti, con i Comuni in prima linea. «A maggior ragione - resiste - servono le misure che abbiamo messo in campo: non devono spaventare o creare il panico, servono a fare sentire tutti più sereni». Ma il premier Conte non ci sta: «Disporre la chiusura delle scuole crea problemi per i genitori. Ha solo effetti negativi e non positivi». Nella polemica s’infiltrano anche M5S e Lega che accusano Ceriscioli di cercare solo «consenso elettorale». 

Ultimo aggiornamento: 17:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA