Andar per funghi lungo i sentieri e nei boschi, Cagli organizza una serie di passeggiate per cercatori neofiti

Venerdì 10 Settembre 2021 di Veronique Angeletti
Un sentiero per cercatori di funghi nella zona di Cagli

CAGLI - Bello, andare per funghi. Non è mai una semplice passeggiata. Il vero cercatore osserva il paesaggio per individuare boschetti, cespugli, alberi e formazioni vegetali che indicano la loro presenza. Il Re Porcino, ad esempio, non nasce mai a caso. Il “cuoio” è amico dei faggi, il “nero” adora le querce. Il vero “fungaiolo” anticipa addirittura dove sta per spuntare. C’è chi afferma che ponendo le mani sul terreno avverte ore prima il fremito.

 

 
Cagli, la città del torrione, questo sabato 11 e domenica 12 settembre, si presenta nelle vesti di “Terre del fungo” e organizza una serie di passeggiate per fare conoscere i suoi paesaggi. Un corso accelerato di natura e cultura con laboratori didattici per i più piccoli e guide naturalistiche professioniste. Un evento imperdibile considerando che, dopo le piogge tra il 23 e il 31 agosto, le Alte Marche (il comprensorio tra i massicci del Nerone, del Catria e lo Strega anconetano) sono di nuovo un felice paradiso per i porcini. Ogni proposta è descritta sulla pagina fb VisitCagli. Particolarmente interessante è quella di sabato, sul Catria, a Valpiana con la micologa Carla Ioni e la guida Emiliano Baldeschi. Si parte dalla frazione di Acquaviva alle 8 della mattina. Quota di partenza 989 metri, quota massima 1223, dislivello 235. Molto suggestiva, quella che dal Borgo di Smirra alle 8,30. Raggiunge i resti della fortezza del Castello di Donico e il Santuario di Santa Maria delle Stelle. La propone l’Associazione il Giorno dopo, dura 3 ore con un dislivello di 300 mt e prevede ristoro e un servizio navetta per il rientro. Come quella proposta sempre sabato alle 15, dalla Pro Loco Pianello: un percorso attraverso “l’antica strada umbro-romana” recentemente riscoperta con dislivello 150m, distanza 8km. Escursione programmata anche per domenica, alle 10,30.
Stupenda quella sul “Sentiero delle ammoniti - Locco di Secchiano”. Dislivello 650 m, lunghezza 7km circa. Il sentiero attraversa alcune formazioni rocciose di scaglia rossa, note per l’abbondanza di fossili che questa volta saranno illustrati scientificamente da una guida. Al rientro c’è anche un aperitivo a tema Nel pomeriggio, sabato alle 14, la Pro Loco Pianello, in collaborazione con le guide escursionistiche Vasco Feligini e Fabio Santori, propone “Anello Pianello-Cerreto-Fondarca-Pieia” con visita alla di Chiesa di San Michele Arcangelo. Dislivello 750 m, distanza circa 12km. 
Domenica, 12 settembre, altre 4 escursioni di mattina. Alle 8,15, “Escursione Monte Petrano e prati sommitali”. Dislivello 200 metri, quota massima 1080 mt lunghezza 5 km circa. Alle 9.30, in collaborazione con la guida Gianluca Dormicchi, “Pianello-Abbazia di Massa-Mulini-Fosso dei Furlani” con visita all’Abbazia di San Pietro di Massa. Dislivello 400 m, distanza circa 12km. Informazioni e prenotazioni pagine fb “VisitCagli”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA