Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Tenta di sfondare il lunotto di un'auto e si ferisce, poi dice ai carabinieri: «Mi hanno picchiato»

I carabinieri impegnati in un'operazione di controllo
I carabinieri impegnati in un'operazione di controllo
2 Minuti di Lettura
Lunedì 31 Agosto 2020, 07:00
PORTO RECANATI - Tenta di mandare in frantumi il lunotto posteriore di una macchina parcheggiata, ma ai carabinieri dice di essere stato picchiato da un uomo. Sono in corso le indagini da parte dei carabinieri per chiarire i contorni della vicenda. L’episodio è avvenuto l’altra notte, quando i carabinieri sono intervenuti sul lungomare Lepanto, nei pressi dell’hotel Bianchi. Un uomo, un marocchino, era ferito al braccio destro e i soccorritori dell’ambulanza lo stavano medicando. Il ferito, come si diceva, ha riferito ai carabinieri di essere stato picchiato da un uomo e aveva due ferite da taglio al braccio destro. 
 

È stato soccorso e trasportato in codice giallo al pronto soccorso dell’ospedale di Civitanova Alta. Sono subito scattate le indagini per chiarire l’accaduto. È emerso che, stando a quanto hanno riferito alcuni testimoni, il marocchino si era procurato tali lesioni mentre cercava di rompere il lunotto posteriore di una Fiat Punto bianca, parcheggiata nei pressi del cinema Kursaal. A terra, in quel punto indicato dai testimoni, i militari dell’Arma hanno verificato che erano presenti dei pezzi di vetro e anche delle macchie di sangue, ma della Fiat nessuna traccia. Indagini in corso. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA