Entra in un ristorante e ruba i soldi: smascherato grazie alle telecamere. Uomo di 49 anni ai domiciliari con il braccialetto elettronico

Martedì 19 Ottobre 2021 di Chiara Marinelli
Entra in un ristorante e ruba i soldi: smascherato grazie alle telecamere. Uomo di 49 anni ai domiciliari con il braccialetto elettronico

PENNA SAN GIOVANNI  - Furto al ristorante e poi una serie di danneggiamenti per fare irruzione all’interno di un bar del centro. Preso il ladro che si muoveva tra un Comune e l’altro e aveva trovato un nascondiglio a casa di un parente. Ma la sua fuga è finita. Nei guai L.G., 49 anni, residente a Fermo. Ora l’uomo, che era già noto alle forze dell’ordine per una serie di precedenti, si trova agli arresti domiciliari con il braccialetto elettronico.

 

Tutto era cominciato lo scorso 20 maggio quando qualcuno, nottetempo, dopo aver forzato e danneggiato la porta di ingresso di un noto ristorante di Penna San Giovanni, aveva fatto irruzione all’interno. 


Dopo aver aperto e messo sottosopra alcuni cassetti del banco pizzeria, aveva aperto il cassetto del registratore di cassa, portando via tutto il denaro contante che era stato lasciato custodito all’interno. Dopo aver messo a segno il colpo, il ladro era uscito dal ristorante passando da una porta ubicata sul retro del locale. Ad accorgersi dell’accaduto era stato il titolare, che aveva subito allertato i carabinieri della stazione di Penna San Giovanni, sul posto per il sopralluogo di rito. Ma il ladro del ristorante non si era fermato lì. Infatti, sempre nell’arco della stessa nottata, aveva tentato di forzare i due ingressi di un bar del centro. Non era riuscito ad entrare e, alla fine, aveva desistito dal suo intento, restando a mani vuote. Ma aveva, comunque, causato danni per più di mille euro. Anche il raid al bar era stato denunciato ai carabinieri nel corso della stessa giornata.

Da qui erano scattate, immediatamente, le indagini da parte dei militari dell’Arma, guidati dal capitano Giulia Maggi. Fondamentali, oltre ai sopralluoghi e ad alcune testimonianze, si sono rivelate le immagini dei sistemi di videosorveglianza, ed in particolare il sistema di spycam del Comune. Gli occhi elettronici, infatti, avevano immortalato una macchina sospetta, sopraggiunta e ripartita in quella zona in un orario che era compatibile con quello in cui erano avvenuti i reati, ovvero tra le 3 e le 4 del mattino. I carabinieri hanno poi ricostruito tutti i vari movimenti del veicolo, una Fiat, scoprendo che l’automobile utilizzata era stata a sua volta oggetto di un furto denunciato qualche giorno prima, il 18 maggio, a Monte Urano.

Alla guida del veicolo c’era un uomo, solo in macchina. Le indagini successive, svolte in collaborazione con i reparti dell’Arma dei Comuni vicini, e in particolare di Fermo, hanno consentito di dare un nome all’uomo individuato, tra l’altro, come si diceva, già noto per precedenti anche specifici, in particolare per furti, danneggiamenti, ricettazione, possesso ingiustificato di chiavi alterate/grimaldelli, oltre che reati in materia di stupefacenti. 


Concordando con l’esito delle indagini dei carabinieri, il pubblico ministero, in tempi rapidissimi, ha chiesto al Gip del Tribunale di Macerata una misura cautelare a carico dell’indagato, che come si diceva è residente a Fermo. Cosi nei giorni scorsi il giudice ha emesso, nei suoi confronti, un’ordinanza applicativa della misura cautelare degli arresti domiciliari con braccialetto elettronico.  I carabinieri di Penna San Giovanni hanno allora attivato le ricerche fino a rintracciarlo, nel fine settimana appena trascorso, nel Fermano, a casa di un parente. L.G., queste le sue iniziali, si muoveva da un posto all’altro e anche in questo caso fondamentale è stata la collaborazione tra i carabinieri delle varie stazioni.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA