Il pittore Ugo Caggiano stroncato da una malattia. Il mondo dell'arte in lutto

Martedì 28 Aprile 2020
Ugo Caggiano

URBISAGLIA - È morto a 80 anni l’artista Ugo Caggiano, stroncato da una malattia. Si tratta di una delle figure più eclettiche e apprezzate del panorama marchigiano, capace di farsi apprezzare anche in alcune esposizioni di carattere nazionale e internazionale. Un linguaggio pittorico evocativo quello di Caggiano. Nel suo percorso culturale non è mancato l’insegnamento: diplomato all’Accademia di Belle Arti di Macerata è stato docente a Roma, dove ha insegnato l’arte della pittura e della decorazione. «Ho avuto la fortuna di conoscerlo alcuni anni fa, quando partecipò a un’iniziativa promossa dall’Auser - ha affermato il sindaco di Petriolo Domenico Luciani, paese in cui l’artista è nato prima di risiedere nella vicina Urbisaglia -, in quell’occasione, ognuno dei partecipanti si cimentò nel dipingere un’opera e il ricavato fu devoluto in beneficenza. Dall’animo generoso, prese parte lo scorso anno alla giornata del Fai a Villa Catalani, insieme a Giandomenico Lisi, autore teatrale venuto a mancare solo pochi giorni fa. Il suo stile artistico era molto suggestivo e originale con il quale traspariva il legame con Petriolo». Cordoglio per la morte di Caggiano è stato espresso da numerosi artisti maceratesi suoi amici, come William Medori e Silvio Craia, così come dal poeta Mario Monachesi, che allo stesso pittore aveva dedicato una poesia nei giorni della malattia. «Caggiano è stato un uomo dal carattere espansivo e sempre pronto a collaborare per ogni iniziativa», ha detto lo stesso Craia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA