Delitto di Rosina, i difensori dei familiari: «Stiamo seguendo la pista dei soldi»

Il marito e il nipote di Rosina davanti alla caserma dei carabinieri
Il marito e il nipote di Rosina davanti alla caserma dei carabinieri
di Benedetta Lombo
3 Minuti di Lettura
Martedì 12 Gennaio 2021, 11:05

MONTECASSIANO - «Seguiamo la pista dei soldi. Stiamo raccogliendo testimonianze per ricostruire il carattere della signora, sta venendo fuori il carattere di una persona che forse ostentava un po’ troppo e da qui si potrebbe spiegare la figura del ladro. Ci sono tanti piccoli tasselli che dobbiamo ricostruire».

LEGGI ANCHE:

Delitto Rosina, i difensori degli indagati: «Sentiremo le tre ditte che hanno fatto lavori nella villetta»

Qualcuno di questi tasselli di cui parla l’avvocato Andrea Netti potrebbero emergere già oggi a seguito del colloquio con gli operai che in passato hanno eseguito dei lavori all’interno della villetta di via Pertini e che, secondo la difesa, avrebbero vissuto in prima persona il clima familiare e avrebbero assistito a dinamiche familiari in casa Orazi.


Proseguono, dunque, sia le indagini della procura sia quelle difensive per ricostruire quanto avvenuto la sera della vigilia di Natale nella villetta in cui Rosina Carsetti è stata trovata senza vita. Fondamentale sarà la ricostruzione degli orari per capire chi era in casa al momento della morte della 78enne e se il racconto dei familiari, il marito Enrico Orazi, la figlia Arianna e il nipote Enea Simonetti, (il rapinatore entrato in casa che avrebbe ucciso l’anziana) sia o meno credibile e riscontrabile. Al momento per il procuratore Giovanni Giorgio e il sostituto Vincenzo Carusi Rosina tra le ipotesi c’è anche quella secondo la quale la donna sarebbe morta per mano dei parenti. 


È atteso l’esito delle analisi di laboratorio effettuate dal medico legale Roberto Scendoni dopo l’autopsia per delineare con estrema precisione l’orario della morte. Da quanto finora emerso, Enea Simonetti sarebbe uscito di casa verso le 17.45, alle 18.07 ha pagato il cibo acquistato al supermercato e per un’ora sarebbe rimasto nel parcheggio a guardare video sul cellulare. 


In quel lasso di tempo si sarebbe consumata la tragedia. Per i familiari è probabile che verso le 18.30 possa essere entrato il ladro che ha ucciso Rosina, legato la figlia Arianna, chiuso il marito della vittima in bagno e, una volta risalito nei piani alti, avrebbe preso i soldi e sarebbe fuggito. Dopo circa mezz’ora sarebbe rientrato Enea.

© RIPRODUZIONE RISERVATA