Diede un passaggio in auto a una ragazza di 18 anni e poi la palpeggiò, condannato

Mercoledì 5 Maggio 2021 di Benedetta Lombo
Il tribunale di Macerata

MACERATA  - Diede un passaggio a una ragazzina di 18 anni vicina di casa e la toccò nelle parti intime. Un uomo di origine straniera di 61 anni residente in un comune dell’entroterra è stato condannato ieri a quattro anni e due mesi di reclusione.

LEGGI ANCHE:

Due milioni in meno nella seconda asta per Villa Gigli: il 9 giugno si deciderà la sorte della dimora del tenore

 


I fatti contestati sarebbero avvenuti nel 2017 nella tarda mattinata della vigilia di Natale. Secondo la ricostruzione della procura – ieri a sostenere l’accusa in aula è stato il sostituto procuratore Enrico Barbieri – quel giorno la mamma della persona offesa era a Camerino al lavoro. Verso le 13 la figlia, non sapendo come raggiungerla, si era rivolta a un vicino di casa che da anni vive con la moglie in un’abitazione poco distante e che la sua famiglia conosceva bene. All’uomo, all’epoca 57enne, chiese un passaggio fino a Camerino e lui non glielo negò, ma mentre erano in auto, lui le avrebbe infilato una mano sotto i vestiti e l’avrebbe palpeggiata nelle parti intime. 

Poi avrebbe tolto la mano continuando a guidare alla volta di Camerino, e raggiunto il comune, l’aveva lasciata dove lei gli aveva chiesto per poi andare via. Quando la giovanissima raggiunse la madre le raccontò tutto quello che era accaduto poco prima e insieme denunciarono i fatti all’autorità giudiziaria. Subito dopo la denuncia furono avviate mirate indagini per ricostruire i particolari della vicenda e all’esito degli accertamenti la procura contestò all’uomo il reato di violenza sessuale.

Convinto della propria innocenza e di riuscire a dimostrare la propria estraneità ai fatti contestati, l’imputato decise di non richiedere riti alternativi e di affrontare il dibattimento. Il procedimento dunque approdò dinanzi ai giudici del Tribunale collegiale di Macerata (presidente Roberto Evangelisti, giudici a latere Francesca Preziosi e Barbara Cortegiano). Nelle scorse udienze furono sentite madre e figlia, la prima confermò di aver ricevuto la confessione della figlia nei termini riportati in denuncia e la giovanissima ripercorse i fatti rispondendo alle domande del pm e del legale dell’imputato, Michela Splendiani. La giovanissima spiegò di aver chiesto già altre volte in passato un passaggio al vicino e che non era mai accaduto niente di particolare. Quella mattina non reagì alle molestie perché pietrificata da un’azione che mai avrebbe immaginato. Ieri il pm Barbieri ha chiesto la condanna a cinque anni e quattro mesi di reclusione, una pena più lieve è stata disposta dai giudici: quattro anni e due mesi.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA