Rapinò un commerciante che si stava dirigendo in banca: operaio camerte condannato

Rapinò un commerciante che si stava dirigendo in banca: operaio camerte condannato
Rapinò un commerciante che si stava dirigendo in banca: operaio camerte condannato
2 Minuti di Lettura
Martedì 30 Novembre 2021, 09:50

MACERATA - Rapinò un commerciante, operaio condannato a un anno e dieci mesi di reclusione. È la pena inflitta ieri dai giudici del Tribunale di Macerata in composizione collegiale (presieduto da Andrea Belli) a un camerte accusato di aver rapinato un noto commerciante poco prima che entrasse in banca.

Il legale dell’imputato, l’avvocato Luciano Pacioni, aveva sostenuto che l’uomo era affetto da ludopatia all’epoca dei fatti. La rapina risale al 29 dicembre del 2017. Erano circa le 11.30 quando il commerciante era uscito dal negozio per andare in banca a depositare i soldi, 400 euro che aveva nel portafogli. Era quasi arrivato all’istituto di credito quando si era sentito coprire gli occhi e prendere da dietro. All’inizio aveva pensato a uno scherzo, poi però entrambi erano caduti a terra e il rapinatore aveva preso il portafoglio ed era scappato.

Le urla del commerciante avevano richiamato l’attenzione dei passanti e di alcuni dipendenti della banca che si erano messi all’inseguimento del malvivente riuscendo a recuperare il portafoglio con i soldi. Ieri al termine della requisitoria il pubblico ministero Enrico Barbieri ha chiesto la condanna dell’imputato a due anni di reclusione, i giudici lo hanno condannato a un anno e dieci mesi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA