Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Rovigo, scappa con l'amante e abbandona moglie e figli: condannato, dovrà pagare per evitare il carcere

La fuga con l'amante è andata male
La fuga con l'amante è andata male
di Francesco Campi
3 Minuti di Lettura
Venerdì 12 Giugno 2020, 05:00 - Ultimo aggiornamento: 08:28

ROVIGO - È fuggito con l’amante, piantando in asso non solo la moglie ma anche i tre figli. Una fuga che non lo ha portato molto lontano, visto che si è spostato da Porto Viro a Polesella per andare a convivere con la sua nuova compagna. Ma l’abbandono della famiglia gli è costato caro, visto che ieri il giudice Antonio Bortoluzzi l’ha condannato ad una pena di 6 mesi con la sospensione condizionale, che scatta però solo nel caso che venga pagata la provvisionale riconosciuta per il danno morale a moglie e figli, stabilita in 5mila euro, con l’esatta quantificazione lasciata poi ad un eventuale successivo giudizio civile. L’uomo dovrà quindi pagare i 5mila euro per evitare che venga meno la condizionale. 

Napoli, spinta in mare dal fidanzato: «Nei video sembravano felici, poi quel messaggio sul cellulare di lei»

CAMBIO VITA

Una storia come tante, con il marito che non si sarebbe limitato a piantare in asso la moglie, andandosene di casa con l’amante con la quale, secondo quanto ricostruito dall’accusa, già intratteneva una relazione extraconiugale, ma non si sarebbe nemmeno più fatto vedere o sentire dai figli. Vicende delicate e con aspetti difficilmente indagabili anche a livello giudiziario, fatto che è stato riconosciuto colpevole del reato di violazione degli obblighi di assistenza familiare, reato che prevede la reclusione fino ad un anno per «chiunque, abbandonando il domicilio domestico, o comunque serbando una condotta contraria all’ordine o alla morale delle famiglie, si sottrae agli obblighi di assistenza inerenti alla responsabilità genitoriale, alla tutela legale o alla qualità di coniuge». 
Secondo l’accusa, formulata sulla base della querela sporta dall’ex moglie, assistita insieme ai tre figli minori dall’avvocato Anna Osti, l’uomo, non solo sarebbe fuggito di casa con l’amante, ma non avrebbe nemmeno contribuito agli obblighi assistenziale di marito e genitore, non contribuendo al mantenimento di moglie e figli, lasciati in uno stato di abbandono morale e materiale, non versando la somma di 300 euro mensili che era stata stabilita nel 2017 dal Tribunale di Rovigo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA