Vanessa Incontrada in lacrime su Instagram, l'appello social e il ringraziamento per i follower: «Ora respiro»

Vanessa Incontrada in lacrime su Instagram, l'appello social e il ringraziamento per i follower: «Ora respiro»
Vanessa Incontrada in lacrime su Instagram, l'appello social e il ringraziamento per i follower: «Ora respiro»
3 Minuti di Lettura
Lunedì 6 Giugno 2022, 16:54

Può tornare a respirare Vanessa Incontrada. Zilik e Tokio, i suoi due Golden Retriever, che si erano allontanati ieri nella zona di Follonica, in Toscana, dove l'attrice vive con il compagno e il figlio sono stati ritrovati. L'allarme lanciato su Instagram ha funzionato e i due pet sono stati riportati a casa. «Ora posso cancellare i messaggi passati perchè possono tornare a respirare», si asciuga le lacrime la conduttrice che appare ancora molto provata nelle storie social. 

Vanessa Incontrada, ritrovati i cani

«Finalmente sono stati ritrovati dopo ore» ha fatto sapere Vanessa Incontrada tra le storie, dove ha ringraziato tutte le persone che l'hanno aiutata nelle ricerche: «Questo è un messaggio soprattutto per ringraziare chi mi ha aiutato a cercarli. Li ho ritrovati molto stanchi e provati, perché sono stati a più di 5 chilometri di distanza da casa. Volevo ringraziare la coppia che li ha trovati e mi ha telefonato». Probabilmente l'attrice era veramente spaventata e l'idea di riabbracciare Zilik e Tokio non era così scontata evidentemente che nei video si è lasciata andare alla commozione: «Grazie di cuore. Ora respiro»

Cosa è successo

Tutto era cominciato nella tarda mattinata di ieri. «Non riusciamo a trovarli, se li vedete o qualcuno li vede vi prego di richiamarmi». Con queste parole Vanessa Incontrata aveva chiesto aiuto ai suoi fan sui social network per ritrovare i suoi cani - due Golden Retriever - scappati dall'abitazione di Follonica. E è proprio grazie al tam tam scatenatosi sul web che l'attrice spagnola è riuscita, alla fine, a ritrovare i suoi due cani. E ora la famiglia è tornata nella formazione base, quella vincente. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA