Federica Nargi e Alessandro Matri: «Quello che vedete sui social è tutto finto: le discussioni sono tante, ma ci sposiamo»

Federica Nargi e Alessandro Matri: «Quello che vedete sui social è tutto finto: le discussioni sono tante»
Federica Nargi e Alessandro Matri: «Quello che vedete sui social è tutto finto: le discussioni sono tante»
3 Minuti di Lettura
Giovedì 17 Novembre 2022, 13:30

Quello tra Federica Nargi e Alessandro Matri è un amore vero. Nato 13 anni fa in discoteca, a Milano. Lei velina di Striscia la notizia. Lui calciatore. Uno dei più belli. Ancora oggi. «Non gli ho dato il numero per un mese, semmai lo chiamavo io da numero sconosciuto. Ma me lo ritrovavo nei locali ogni domenica». «Poi - replica Alessandro - mi ha chiamato dal fisso e ho preso a telefonarle a tutte le ore». Altri tempi. Il telefono fisso, ecc, ecc. Al Corriere della Sera, Federica racconta che la prima volta a cena da lei gli ha preparato i sofficini. «Si proprio quelli ma da quel giorno non ci siamo più lasciati».

Federica Nargi e Alessandro Matri, una storia vera

Erano giovani, 18 e 24 anni. Un amore vissuto da lontano fino a quando Matri non è andato a giocare nella Lazio «e abbiamo iniziato la convivenza a Roma, dove lei ha i genitori. A quel punto, c’era da tempo l’idea di fare famiglia». La distanza li ha aiutati a fidarsi uno dell’altro. Ma non è stato facile, soprattuto per Fede, gelosissima. Una gelosia estrema con tanto di scenate.

Gelosia e distanza

La scenata più assurda? La ricorda Federica: «Andiamo in un locale, io arrivo per prima. Poi, vedo arrivare lui, che si sta chiudendo la giacca. Una gli va addosso, gli chiude i bottoni e gli fa: hai freddo?». Qui interviene Alessandro: «Ho visto come un’onda anomala attraversare la sala e piombare addosso a questa tizia. Prenderla. Spostarla di peso».

Se per Fede è stato il rispetto a fare la differenza oltre che la naturale bellezza, Ale ha visto che «lei stava bene nel mio mondo, coi miei amici d’infanzia, con la mia famiglia al paesino, a Graffignana, nel lodigiano. Sono duemila abitanti e ci accontentiamo di andare al bar, vederci a casa. Ho capito che non mi avrebbe allontanato dai miei affetti. Veniamo da famiglie umili, abbiamo gli stessi valori».

Le discussioni ci sono

Un amore vero ma litigarello: «Le persone vedono sui social le famiglie del Mulino Bianco ma è tutto finto: le discussioni ci sono, chi non litiga col marito?».

I momenti no della vostra storia? Al Sorserà Aessandro ammette che tra loro ci sono state «tante, tante discussioni. Aumentate con l’arrivo delle figlie: essere genitore ti obbliga a prendere decisioni continue». Ma Federica assicura che: «Una crisi vera, però, non c’è mai stata».

Il matrimonio arriverà? Alessandro: «Arriverà. Ma già avere un figlio vuol dire “per sempre”. Lo faremo perché è un segno d’amore e una tutela delle figlie».

© RIPRODUZIONE RISERVATA