Giro di vite fra Lido Tre Archi e Porto Sant'Elpidio: scattano 11 fogli di via, c'è anche un arresto

Giro di vite fra Lido Tre Archi e Porto Sant'Elpidio: scattano 11 fogli di via, c'è anche un arresto
Giro di vite fra Lido Tre Archi e Porto Sant'Elpidio: scattano 11 fogli di via, c'è anche un arresto
di Nicola Baldi
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 5 Ottobre 2022, 05:35

FERMO - Servizi straordinari di controllo del territorio disposti dal questore di Fermo Rosa Romano con gli agenti della Questura di Fermo ma anche con carabinieri e finanzieri e il personale del Reparto prevenzione crimine di Pescara. Il blitz nella aree a rischio, anche a seguito delle segnalazioni pervenute dai cittadini, soprattutto a Porto Sant’Elpidio e a Lido Tre Archi.

 
I motivi


L’attività, come rimarcano dalla Questura, ha lo scopo «di contrastare i fenomeni di illegalità che causano una diffusa percezione di insicurezza nei cittadini, quali lo spaccio, i reati contro il patrimonio e i fenomeni di microcriminalità». I servizi sono stati intensificati soprattutto nelle ore serali e notturne dei fine settimana con risultati importanti: sono state identificate 313 persone, controllati 143 auto e 24 esercizi pubblici ed elevate 3 multe. Al termine il questore ha anche emanato ben 11 fogli di via obbligatori dal territorio dei Comuni controllati, a carico di persone gravate da precedenti penali che si trovavano nei Comuni stessi; inoltre ci sono stati 14 avvisi orali di cui 6 a Porto Sant’Elpidio e gli altri fra Fermo e Porto San Giorgio, e un provvedimento di sorveglianza speciale con il divieto di soggiorno.

Si tratta di una misura di prevenzione nei confronti di cittadini italiani e stranieri che denotano una spiccata pericolosità sociale e con precedenti ad esempio per reati contro la persona o per spaccio. C’è stato poi un provvedimento di divieto di accesso ai locali pubblici e di intrattenimento, chiamato Dacur, in questo caso esteso a tutto il territorio di Fermo e per la durata di due anni, nei confronti di un cittadino italiano dopo il raid ai danni di una pizzeria a Porto Sant’Elpidio.


Il provvedimento
L’uomo, che era introdotto all’interno dell’esercizio commerciale danneggiando un infisso e svuotando il registratore di cassa, è stato arrestato in flagranza per furto aggravato e resistenza dal personale dell’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA