Google, l’algoritmo ci racconta. E non sempre è tutto scontato

Google, l’algoritmo ci racconta. E non sempre è tutto scontato

di Giovanni Guidi Buffarini
4 Minuti di Lettura
Venerdì 9 Dicembre 2022, 06:20

Come ogni anno, Google ha rilasciato le classifiche delle parole più cercate dagli utenti. Darci uno sguardo non è esercizio del tutto futile. Questi elenchi ci raccontano. Le dieci parole più cercate dagli italiani nel 2022 agli sgoccioli sono nell’ordine: Ucraina; Regina Elisabetta; Russia Ucraina (again); Australian Open; Elezioni 2022; Putin; Piero Angela; Drusilla; Italia Macedonia (ahia); Blanco. Dunque, la guerra è l’evento dell’anno, è ciò che ovviamente ci turba, ci inquieta. La morte di Elisabetta II non ha colpito solo gli inglesi, d’altro canto è una pagina di storia (mondiale) che si è chiusa. A Piero Angela volevamo tutti bene.

Australian Open non è legato a una divorante passione collettiva per il tennis ma all’esclusione di Djokovic non vaccinato, vicenda gestita nel modo peggiore, innescò perfino un incidente diplomatico fra Australia e Serbia. Elezioni era naturale comparisse e così la partita che eravamo certi di vincere, e il resto è Sanremo, perché Sanremo è Sanremo e pazienza. Tutto piuttosto scontato. Sono più interessanti le classifiche settoriali. Non le riporto integralmente, chiedetele a Google. Mi concentro su alcune parole presenti e su alcune assenze. Mi concederete di partire dalla lista dei dieci film su cui abbiamo interpellato Google.

Tutti sono stati distribuiti nelle sale (uno, “Don’t Look Up”, solo per pochi giorni, nel novembre 2021). Mi piacerebbe concludere: il grande schermo è ancora centrale nel sistema cinema. Poi vedo le platee semivuote, leggo i dati del box-office, e mi deprimo. Nella suddetta lista, non compare un solo film italiano, e in questo caso gli incassi non ribaltano il quadro. Autori e produttori qualche domanda dovrebbero porsela, ritengo, poi facciano come credono. La decina degli Attori è guidata da Will Smith & Ceffone mentre Chris Rock Guancia Dolente sta in sesta posizione. All’ottavo posto si colloca Michael J. Fox cui l’Academy ha appena attribuito l’Oscar alla carriera che un precocissimo Parkinson ha troncato sul più bello. Al settimo posto della classifica “Cosa significa...?” troviamo Green Pass Rafforzato. Oggi possiamo tutti rispondere: Grazie al cielo non significa più niente, senza importunare oltre Google. In generale, la pandemia segna il passo nelle ricerche, fuorché alla voce Tamponi: Come fare il tampone rapido (primo posto) il tampone a casa (terzo), il tampone molecolare (settimo), il tampone panna sotto e sopra (quest’ultimo, angoscioso interrogativo in verità non è entrato nella decina “Come fare...?” sebbene io lo abbia ripetutamente posto al motore di ricerca: mandandolo in confusione).

La sezione “Vicino a me” si apre con Terremoto Oggi (e sospetto che noi marchigiani abbiamo contribuito nell’ultimo mese) e si chiude con Incendio Oggi. E in quarta posizione ecco Incidente (però senza Oggi: boh). In mezzo, anche cose carine: Trattoria, Agriturismo, Palestra. Non si vive di sole disgrazie, dai. Abbiamo - e anzi in questo caso avete - domandato a Google: Cosa significa parlare in corsivo? La risposta più corretta Google non la sa, ve la do io: imitare male Franca Valeri Signorina Snob. Ora in ogni caso la signorina del corsivo s’è attivata su OnlyFans, e scommetto che nessuno digiterà affannosamente “Che cos’è OnlyFans”? Non mentite: lo sapete come lo so io.

Accennavo alle assenze. Sorprende che fra le parole più googlate quest’anno poche si riferiscano alla tecnologia. C’è “Aggiornamento iOS 16” (Come farlo?), c’è “Droppare Instagram” (nella classifica del Cosa Significa, e subito dietro c’è NATO) ma non c’è Metaverso e non c’è Intelligenza Artificiale e neppure Robot che Fanno Cose e Imparano e le Paroline e ci Costruiscono Frasi di Senso Compiuto. Si potrebbe dedurre che del futuro non siamo curiosi più di tanto. Occhio che ci arriverà addosso più rapidamente che non si pensi. Infine, in parecchi han chiesto lumi a Google sulla ricetta delle pesche sciroppate. Una domanda la pongo io a questo punto. Fra gli allievi di Chef Google, c’è qualcuno dei miei lettori? Qualcuno che ha appreso ogni segreto dell’arte sciroppante? Questo qualcuno sarebbe così gentile da farmi assaggiare le sue pesche? Ché a prepararle non son buono, ma a mangiarle bravissimo.

* Opinionista e critico cinematografico

© RIPRODUZIONE RISERVATA