Un piccolo organismo marino
contro i tumori dei tessuti molli

Un piccolo organismo
marino contro i tumori
dei tessuti molli
di Antonio Caperna
COPENAGHEN -  E’ dalla profondità del mare che il segreto per frenare il sarcoma dei tessuti molli (STM), un terribile tumore che può colpire ogni parte del corpo. E’ l’Ecteinascidia turbinata, un piccolo organismo invertebrato, rivestito da una tunica di cellulosa, dal quale si è inizialmente ottenuta una molecola attiva contro il tumore e che oggi si sintetizza in laboratorio. Si tratta della Trabectedina, composto naturale, che agisce contro il tumore, producendo delle profonde perturbazioni del ciclo cellulare e interferendo con i sistemi di riparazione del DNA, inducendo così la morte cellulare programmata (apoptosi). La molecola, prodotta da Pharmamar), è al centro delle sessioni di lavoro del Congresso europeo di oncologia (ESMO), in corso a Copenhagen. 
In particolare uno studio internazionale su 287 pazienti, coordinato dall’Italia, dimostra che la chemioterapia tradizionale è efficace nell’80% dei sarcomi ad alto rischio ma che l’impiego di un farmaco specifico come trabectedina, in un istotipo selezionato come il liposarcoma mixoide che colpisce soprattutto i giovani, permette di ottenere un grande beneficio. La molecola è di gran lunga meno tossica rispetto alla chemioterapia convenzionale.
«Oltre all’efficacia della terapia, il profilo di tollerabilità è molto buono – spiega il dr. Alessandro Gronchi, membro del ‘Sarcoma task force’ dell’ESMO e presidente della Connective Tissue Oncology Society (CTOS) –ad esempio non diminuiscono i globuli bianchi, non cadono i capelli, e quindi il trattamento è meno pesante per il paziente rispetto a quello tradizionale. Questo studio dimostra che l’impiego di un farmaco specifico in un ‘istotipo’ selezionato dei sarcomi può avere un effetto positivo e un costo inferiore per il paziente». I sarcomi sono un gruppo molto eterogeneo di tumori dei tessuti molli e quindi possono comparire in varie sedi dell’organismo, dagli arti, al torace, all’utero. Tra questi i Liposarcomi rappresentano il 25% dei casi al momento della diagnosi e si suddividono in 3 tipi, tra cui il ‘mixoide’. La trabectedina ha un tasso di controllo tumorale del 90% e in seconda linea è la molecola più ampiamente valutata, dimostrando fino ad oggi l’efficacia di trattamento più elevata. Dall'autorizzazione di in Europa nel 2007, oltre 50mila pazienti in 80 Paesi hanno beneficiato di questa terapia in tutte le sue indicazioni.
La terapia a base di trabectedina è approvata in più di 75 paesi nel mondo per il trattamento dei STM in fase avanzata, dopo il fallimento della terapia standard con antracicline e ifosfamide o come trattamento di prima linea nei pazienti non idonei a ricevere chemioterapie a base di doxorubicina.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Marted├Č 11 Ottobre 2016, 09:58 - Ultimo aggiornamento: 11-10-2016 10:16

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO