Scuola, cosa succede se in classe c'è un positivo: la bozza del protocollo. Isolamento e quarantena

Martedì 18 Agosto 2020
Scuola, cosa succede se in classe c'è un positivo: la bozza del protocollo. Isolamento e quarantena

Un solo caso positivo in classe e scatterà la quarantena per tutti. Questo è uno dei punti del protocollo per la scuola, presente nella bozza delle “Indicazioni per la gestione di casi e focolai di Sars-CoV2 nelle scuole e nei servizi educativi dell’infanzia”. Le indicazioni pubblicate da La Repubblica analizzano le linee guida con le quali riprenderanno le lezioni in classe.

LEGGI ANCHE:

Covid a Santo Stefano, 450 turisti in quarantena sull'isola: positivo un dipendente del Resort


Nel documento viene spiegato cosa fare. Se ad esempio un bambino o un ragazzo presenta febbre superiore a 37.5 deve essere subito chiamato un genitore. Lo studente dovrà essere messo in una stanza di isolamento, che dovranno avere tutte le scuole e se maggiore di 6 anni dovrà indossare la mascherina. Insieme a lui dovrà esserci sempre un adulto a distanza che indossa una mascherina, poi il genitore porterà a casa il figlio avvertendo medico di famiglia o pediatra mentre la stanza verrà sanificata. 

Il giovane deve essere poi sottoposto a tampone e se risultasse positivo tutta la scuola dovrà essere sanificata. La classe, o una parte, verrà messa in quarantena, che scatterà anche per i docenti, e si procederà con la didattica a distanza. Sarà poi la Asl a stabilire se e chi dovrà fare il tampone.

Delle regole molto rigide ma indispensabili per evitare che i contagi ripartano in modo violento. La possibilità che le scuole non riaprano a settembre non è però così remota, visto il costante aumento dei contagi di questi ultimi giorni. A spiegarlo è  il consigliere del ministro della Salute Walter Ricciardi al Messaggero che invita tutti ad avere atteggiamenti corretti in modo da contenere i contagi.

Ultimo aggiornamento: 12:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento