Pelé ricoverato di nuovo in ospedale a San Paolo. I medici: «Situazione preoccupante»

L'ex calciatore si è presentato in ospedale accompagnato dalla moglie e dalla badante in stato confusionale, con gonfiore generalizzato e insufficienza cardiaca scompensata

Pelé ricoverato di nuovo in ospedale a San Paolo. I medici: «Situazione preoccupante»
Pelé ricoverato di nuovo in ospedale a San Paolo. I medici: «Situazione preoccupante»
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 30 Novembre 2022, 17:43

Pelé è di nuovo ricoverato all'ospedale Albert Einsten. Secondo notizie diffuse per la prima volta da Espn e confermate da Globo, questa volta però il suo ricovero non era previsto. L'ex calciatore è stato portato in ospedale da sua moglie, Márcia Aoki, e da una badante dopo che aveva mostrato gonfiore su alcune parti del corpo. Pelé si sottoporrà a una serie di test questo mercoledì per una valutazione più approfondita delle sue condizioni.

Tir travolge ambulanza, domani a Senigallia i funerali di Simone Sartini

Come sta Pelé

All'arrivo in ospedale il personale medico che si prende cura di Pelé ha confermato la condizione di anasarca (gonfiore generalizzato), edema generalizzato e ha anche una «insufficienza cardiaca scompensata». Un altro problema segnalato dall'equipe medica è il fatto che la chemioterapia effettuata negli ultimi mesi non ha mostrato alcuna risposta ai tumori presenti in vari organi del corpo del re del calcio. Pelé si sottoporrà a una batteria di test per una valutazione più approfondita dei problemi rilevati e degli organi compromessi dal tumore metastatico.

Appena entrato all'Albert Einstein, a Pelé, descritto come molto irrequieto, è stata diagnosticata anche una confusione mentale. Gli esami di questo mercoledì valuteranno anche la possibilità dell'insorgenza di una encefalopatia epatica. Il quadro delicato e la cura del cancro senza risposte preoccupano il personale medico e i familiari. Debilitato, l'ex giocatore ha difficoltà a nutrirsi. Ancora in una stanza d'ospedale, Pelé, sua moglie e un assistente stanno aspettando i risultati del test per conoscere i prossimi passi del trattamento. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA