Tragico schianto sulla Statale, auto accartocciata: due morti

Le vittime sono entrambe di Palermo: si tratta di Giacomo Belfiore, 57 anni, e Claudia Ferrari, 56 anni

Domenica 10 Aprile 2022
Cosenza, due morti e un ferito grave nel tamponamento sulla Statale Jonica

COSENZA - Due morti e un ferito grave nell'incidente avvenuto oggi Statale 106 Jonica, nei pressi dello svincolo di Sibari (Cosenza). I primi soccorritori, alla vista dei resti di quella Dacia Duster, hanno capito che non c'erano  speranze di trovare in vita qualcuno.

 

 

 

Le vittime sono entrambe di Palermo: si tratta di Giacomo Belfiore, 57 anni, e Claudia Ferrari, 56 anni, che viaggiavano a bordo della vettura che ha perso oltre un metro di lunghezza per colpa dell'impatto. E' un cittadino dell'Est europeo, T.P., di cui non si conosce l'età, la persona che viaggiava sulla Citroen C8 e che è rimasta gravemente ferita ed è stata trasportata, con l'elisoccorso, all'ospedale di Cosenza.

 

 

Da come si presentavano le due autovetture, la Dacia Duster con la parte posteriore completamente accartocciata e la Citroen C8 con la parte anteriore completamente rientrata, l'impatto è stato violentissimo. Sulle cause e sulla dinamica dell'incidente stanno lavorando gli uomini della Polizia stradale del distaccamento di Trebisacce. Dai primi sommari rilievi sembra che la causa dell'incidente potrebbe essere dovuta a un tamponamento. 

 

Il traffico, nei pressi dell'incidente, è stato interrotto per alcune ore in entrambe le direzioni ed è stato dirottato su alcune strade interne. Sono intervenuti, oltre agli agenti della polstrada, i carabinieri della compagnia di Cassano, gli agenti della polizia municipale di Cassano, e due squadre dei vigili del Fuoco di Castrovillari e di Rossano che hanno provveduto a estrarre i due corpi dall'abitacolo, alla messa in sicurezza del sito e delle vetture. Le salme, du disposizione del magistrato della procura del tribunale di Castrovillari, sono stati rimossi e trasportati all'obitorio del cimitero di Cassano.  

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA