Green pass, infettivologi e virologi: «Con la variante Delta è sbagliato rilasciarlo dopo la prima dose»

Mercoledì 30 Giugno 2021
Green pass, infettivologi e virologi: «Con la variante Delta è sbagliato rilasciarlo dopo la prima dose»

Green pass, infettivologi e virologi sono concordi: «Con la variante Delta, è sbagliato rilasciarlo già dopo la prima dose». Gli esperti lanciano anche un monito: «In Italia manca un programma nazionale di sequenziamento».

 

LEGGI ANCHE: Coronavirus, risalgono i positivi: sono 15 nelle Marche, la metà in una sola provincia/ Il trend dei contagi

 

La variante Delta continua a preoccupare l'Europa e sono diversi gli esperti che non concordano con la decisione dell'Italia di rilasciare il 'Green pass' già dopo la prima dose. Con la variante indiana, infatti, recenti studi hanno dimostrato che una sola dose di vaccino ha un'efficacia troppo bassa. «È insensato dare il green pass dopo la sola prima dose, non si è protetti abbastanza e può diventare un rischio» - spiega Massimo Andreoni, primario di Infettivologia del Policlinico Tor Vergata di Roma, ospite di Agorà Estate su RaiTre - «Non è fare terrorismo, ma solo buon senso di fronte ad una malattia che ha ucciso centinaia di migliaia di persone in Italia».

LEGGI ANCHE Variante Delta, boom di casi: allarme in Francia, 652 morti in Russia. In Brasile contagi come a marzo

 

Dello stesso avviso anche Alberto Mantovani, direttore scientifico dell'Humanitas di Milano. «Il Green pass va dato dopo una dose solo a chi è già guarito, l'Italia è in ritardo perché non ha un programma nazionale di sequenziamento delle varianti e non siamo in grado di capire se e quanto siano pericolose. Abbiamo un nemico che cambia e non possiamo non conoscerlo, la variante Delta è la quarta che preoccupa, ma ce ne sono state tante e altrettante arriveranno. Bisogna prepararsi, dobbiamo sequenziare, vaccinare e proteggere i 400mila italiani vulnerabili» - spiega l'immunologo a La Stampa - «Due dosi di vaccino proteggono molto dall'ospedalizzazione, quelli a m-Rna funzionano anche per gli adolescenti. Uno studio norvegese sostiene che per molti ragazzi di età compresa tra i 16 e i 30 anni la malattia abbia un decorso molto leggero, ma la metà dei guariti in quella fascia d'età dopo sei mesi ha problemi di gusto, olfatto, respirazione e memoria. Se fosse confermato i giovani sarebbero in pericolo. Va consigliato loro di vaccinarsi per limitare la variante Delta che forse li predilige, evitare la malattia e le sue conseguenze, oltre che per mettere in sicurezza le scuole».

© RIPRODUZIONE RISERVATA