Fabrizio Soccorsi, morto il medico personale del Papa: ricoverato al Gemelli, decesso per complicazioni Covid

Sabato 9 Gennaio 2021
Fabrizio Soccorsi, morto il medico personale del Papa: era ricoverato al Gemelli, decesso per complicazioni Covid

Lutto al Vaticano. E' morto Fabrizio Soccorsi, il medico personale di papa Francesco. Romano, 78 anni, era ricoverato al Gemelli per una patologia oncologica. Il decesso è avvenuto per complicazioni dovute al Covid. Lo riferiscono i media vaticani.

 

Francesco lo aveva scelto come medico personale nel 2015. Nato il 2 febbraio 1942 a Roma, Soccorsi si era laureato in medicina e chirurgia all'università La Sapienza nel 1968 e, dopo aver ottenuto l'anno successivo l'abilitazione all'esercizio della professione, aveva svolto un'ampia attività, sia a livello medico sia a livello di docenza, fino agli incarichi di primario del reparto di Epatologia e direttore del dipartimento Malattie del fegato, apparato digerente e nutrizione e del dipartimento Medicina interna e specialistica dell'ospedale San Camillo Forlanini di Roma.

Aveva insegnato immunologia presso la scuola medica ospedaliera di Roma e della Regione Lazio, tenuto corsi di aggiornamento sulle patologie del fegato presso l'ospedale San Camillo ed era stato titolare di cattedra di Medicina clinica e farmacologia presso la facoltà di Medicina e chirurgia dell'università La Sapienza. Aveva inoltre sviluppato diverse collaborazioni e consulenze nel settore pubblico, con oltre un centinaio di pubblicazioni e contributi cientifici.

Era stato anche consulente della Direzione di sanità e igiene del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano e perito della consulta medica della Congregazione delle cause dei santi. Nel giugno 2017 era stato profondamente colpito dalla morte della figlia Cristiana, prematuramente scomparsa dopo una lunga malattia. E con delicatezza Papa Francesco, nel santuario di Fatima dove si era recato qualche giorno prima, lo aveva voluto accanto a sé al momento di deporre due mazzi di rose bianche davanti all'immagine di Maria.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA