Denise Pipitone, nuova testimone: «La donna nel video è mia zia, ecco cosa ho visto nel campo rom»

Venerdì 11 Giugno 2021
Denise Pipitone, nuova testimone: «La donna nel video è mia zia, ecco cosa ho visto nel campo rom»

Una nuova inattesa testimonianza spunta sul caso di Denise Pipitone, bambina scomparsa a Mazara del Vallo l'1 Settembre 2004. A parlare è Mariana Trotta, ragazza di origini rom, che afferma di aver riconosciuto una donna nel video della guardia giurata, mostrato in esclusiva a Quarto Grado. La guardia giurata 50enne il 18 ottobre 2004 vide a Milano una bimba con un gruppo rom molto somigliante a Denise con giubbotto blu e cappuccio. La donna nel video sarebbe proprio la zia di Mariana, che la ragazza avrebbe visitato nel 2018 in Francia. In quell'occasione la testimone dice di aver parlato con la sua cugina adottiva, una ragazza «che non sapeva chi fosse la sua famiglia biologica e non sapeva la sua identità».

 

 

IL RACCONTO - Mariana spiega di non aver seguito la vicenda di Denise, essendo lei molto piccola. Dopo che il fatto è tornato sulle pagine di cronaca, lei ha notato il video pubblicato da Grieco e in quel caso ha riconosciuto la donna del video. Spiega di aver fatto la segnalazione alle autorità e ha raccontato quello che è successo: «Io sono una ragazza adottiva di origini rom e circa 3 anni fa ho avuto il desiderio di trovare la mia famiglia e nel 2018 sono riuscita a risalire ai miei genitori biologici e sono andata a trovarli a Parigi». La ragazza spiega di aver rintracciato i suoi tramite un'assistente sociale, li ha rintracciati su Facebook e dopo qualche giorno ha deciso di andarli a trovare a Charles de Gaulle.

La ragazza spiega di essere stata una settimana con la sua famiglia di origine e in quell'occasione vide la mamma e la sorella all'inizio in un albergo e poi è stata portata in un campo rom. In quell'occasione ha visto la donna che poi ha riconosciuto nel video: «Questa donna nel campo era una figura importante, la mattina tutti andavano a chiedere l'elemosina e lei cucinava per tutti, mi rimase impressa perché era una persona che era un punto di riferimento. Che poi quella donna sarebbe anche mia zia». Specifica che non sia la zia di sangue ma la compagna del fratello del padre biologico. Spiega di non avere tracce di questa persona, la sorella le ha detto tempo fa però che era ancora a Parigi: «Non so il nome, dicono che si chiamava Silvana me da me si faceva chiamare Florina. Io con lei ci ho parlato poco, parlava italiano ma con me non ha parlato molto».

 

Mentre parla però Mariana non nasconde la sua paura: «C'è da pensare che questa è gente pericolosa, io sono cresciuta in modo diverso per fortuna, io non so se stanno ancora insieme con mio zio, ho chiesto a mia sorella ma lei è vaga non mi dà notizie specifiche. Io ammetto di avere paura, io ci ho messo la faccia, ma queste persone hanno dei giri particolari, non sono sciocchezze. Fuori da questo campo c'erano delle sentinelle, mio fratello è stato in galera a Roma, quando sono tornata mi sono detta che non ero così, ma questa storia mi ha segnato molto». Affermando che il clan a cui appartiene la sua famiglia di origine appartiene a una nota famiglia mafiosa romena.

 

Poi ricorda di una ragazza che era la figlia dello zio e di Florina: «Io non ho mai sentito chiamarla Danas, ma questa ragazza non sapeva la sua età, avrà avuto tra i 17 e i 18 anni. Era molto traumatizzata, parlava pochissimo francese, parlava poco italiano, parlava sinti, ma non parlava quasi mai in realtà e si faceva capire a gesti. Era messa male, ricordo che non aveva i denti, spesso le tremavano le mani. Ricordo che era molto controllata e che non le veniva mai permesso di uscire nel campo rom». Poi ricorda un dettaglio: «Una volta io e la ragazza siamo state sole in camera e lei mi disse che non sapeva chi fosse la sua famiglia biologica e non sapeva la sua identità, mi fece questa confidenza che mi toccò molto perché io vivevo la stessa cosa».

Questa ragazza si chiamerebbe Antonia, non ha contatti telefonici ma ha diversi profili Facebook, circa 13, con cognomi diversi. Spiega di averle chiesto l'amicizia e di averla provata a contattare ma non ha mai ricevuto risposta. Dalla sorella ha appreso che la ragazza ora si troverebbe in Romania, dopo essersi trasferita probabilmente dopo aver conosciuto un ragazzo con il quale stava insieme ma con cui potrebbe ora essersi lasciata. Ascolta: Gli ultimi fatti di sangue a Roma: omicidi e accoltellamenti, sette episodi in 16 giorni

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA