Da Salvini alla Meloni, il centrodestra spaccato ora parla di «funerale politico»

Sabato 31 Gennaio 2015
Da Salvini alla Meloni, il centrodestra spaccato ora parla di «funerale politico»

Il voto del Quirinale lascia il centrodestra spaccato e in tanti oggi parlano di «funerale politico» e di area moderata «da rifondare». Secondo Francesco Storace «il centrodestra sta compiendo il suo suicidio politico», colpa delle divisioni che sono emerse anche nel voto per il successore di Napolitano. «Indecisioni» che, secondo l'ex minisro ed ex governatore del Lazio, «hanno distrutto la credibilità di una classe dirigente intera, lasciando orfana di rappresentanza un'area politica e spingendo sempre più verso il non voto».

Per il leader della Lega Nord, Matteo Salvini, «il centrodestra in Parlamento non esiste più e oggi ha dimostrato di essere morto». Secondo Maurizio Lupi di Ncd, però «il filo del dialogo riaperto con Forza Italia va tessuto e coltivato su basi nuove».

Di «centrodestra ormai allo sbando» parla anche Giorgia Meloni, di Fratelli d'Italia-An. Dallo stesso partito, parla anche l'ex sindaco di Roma, Gianni Alemanno. «Il bilancio é semplice: il centrodestra é morto, diviso e asservito a Matteo Renzi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA