Fugge con la droga nelle mutande: ragazzo di 28 anni finisce nei guai

Mercoledì 22 Luglio 2020 di Emidio Lattanzi
Ragazzo di 28 anni finisce nei guai

SAN BENEDETTO -  In macchina con la droga nelle mutande. È un ventottenne il protagonista della vicenda, finita con il suo arresto, andata in scena a Porto d’Ascoli nella serata di lunedì. La polizia del commissariato ha infatti stretto le manette ai polsi di un ragazzo che, alla guida della propria auto, aveva nascosto la dell’hashish dentro le mutande e, quando se l’è vista brutta, ha anche provato a fuggire via. 

LEGGI ANCHE:

Teramo, mafia nigeriana: arrestati 19 affiliati. Indagini anche nelle Marche

 
È accaduto in via Mare, dove una pattuglia del Commissiariato ha notato un veicolo con a bordo due persone, condotto da una vecchia conoscenza delle forze dell’ordine. I poliziotti erano per le strade per il monitoraggio legato alle normative anti Covid predisposto dalla questura di Ascoli su tutto il territorio della provincia, integrato dagli equipaggi del reparto Prevenzione crimine Piemonte. La volante si è insospettita e ha chiesto agli occupanti del veicolo di scendere, poiché lui, un 28enne del posto, sotto i pantaloncini corti che indossava aveva un rigonfiamento eccessivo, proprio in corrispondenza delle tasche. Dopo essere stato invitato a svuotarle, l’uomo ha dapprima fatto finta di provvedere ma, poi, con una mossa fulminea ha cominciato a darsela a gambe levate, ma è stato subito placcato dagli agent. 

Nascondeva nelle mutande un sacchetto grigio con dentro dodici involucri contenenti hashish, per un totale di oltre 40 grammi. È scattata la perquisizione nella sua abitazione e lì, dentro un comodino, sono spuntati fuori altri venticinque grammi di droga, nascosta in due barattoli, oltre a bilancini di precisione e altro materiale necessario a preparare le dosi. La polizia ha sequestrato tutto, compresi oltre ottocento euro in banconote contanti di cui l’uomo aveva la disponibilità e che vengono considerati il ricavato della sua attività di spaccio. Lui è stato poi condotto al carcere di Marino del Tronto dagli agenti, che sull’episodio hanno inviato un dossier all’autorità giudiziaria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA