Scelta la sede per la Soprintendenza Marche sud; puntellata la candidatura di Ascoli 2024

Sabato 11 Dicembre 2021 di Luca Marcolini
palazzo Bazzani diventerà la sede provvisoria della Soprintendenza Marche Sud

ASCOLI - Nel resoconto dell’amministrazione comunale targata Fioravanti, giunta a metà del guado, emerge un punto fermo importante rispetto ad un obiettivo ottenuto sulla carta ma finora rimasto tale: grazie alla nomina del nuovo responsabile, Pierluigi Moriconi, e ad un incontro con il sindaco di qualche giorno fa, è stata finalmente individuata la sede temporanea della nuova Soprintendenza Marche Sud, in attesa di trovare la soluzione definitiva.

 

Si tratta di Palazzo Bazzani, ovvero l’ex sede della Fondazione Carisap, quindi un immobile di grande prestigio. «Una decisione fondamentale – spiega Fioravanti – che si è sbloccata grazie alla disponibilità del nuovo soprintendente che, tra l’altro, è innamorato di Ascoli». Un tassello in più, dunque, per arricchire le possibilità di vittoria sul fronte della candidatura a capitale della cultura 2024.

Inoltre, è arrivata l’approvazione della giunta per lo studentato universitario all’ex Maternità. Ma, durante la lunga carrellata di resoconto del sindaco, non poteva che finire in vetrina anche il maxi-progetto Pinqua da 90 milioni, con l’obiettivo di ripopolare e rivitalizzare il centro storico, così come il complesso intervento finanziato con 5,3 milioni di euro ministeriali per riqualificare la zona della Fortezza Pia. È prevista, invece, tra maggio e giugno la ripavimentazione di corso Trieste, mentre il nuovo campo di Monticelli sarà inaugurato a marzo.

Nell’analisi del lavoro svolto dall’Arengo a cui però ora si dovrà dare seguito, entro il primo semestre del 2022 arriveranno le risposte alle richieste, dopo specifico bando, per il cambio di destinazione di aree da edificabili a verdi e viceversa. Riattivata e in attesa di una conclusione anche l’interminabile vicenda dei 27 alloggi popolari a Monticelli che si era impantanata. Sul fronte sociale, proseguirà l’attività per garantire aiuti alle famiglie in difficoltà, con il reiterarsi dei buoni spesa e degli aiuti sugli affitti, mentre per il commercio è confermata la volontà di incentivare con agevolazioni l’apertura di attività commerciali “no food”. Avviate, inoltre le procedure, per la valorizzazione anche in chiave turistica di Villa Sgariglia (con un bando in arrivo) e di Palazzo Guiderocchi. Per “Ascoli green”, infine, si è arrivati ad oltre 35 i privati coinvolti per la cura di aree verdi e altri spazi della città.

© RIPRODUZIONE RISERVATA