Due figure del carnevale ascolano fanno il loro ingresso nel Registro storico delle maschere italiane

Giovedì 17 Giugno 2021
La maschera del carnevale ascolano Buonumor Favorito

ASCOLI - Buonumor Favorito e Lu Sfrigne entrano a far parte del Registro storico delle maschere italiane. Un importante risultato, ottenuto dal presidente Marco Olori e dal direttivo dell’associazione “Il Carnevale di Ascoli”, in sinergia con l’amministrazione comunale di Ascoli a partire dal sindaco Marco Fioravanti, che certifica a livello nazionale il valore delle due caratteristiche maschere della storia carnascialesca ascolana, grazie anche alla preziosa collaborazione di Mirella Desantis del Centro nazionale di coordinamento delle maschere italiane.

LEGGI ANCHE:

Operaio miracolato nell'incidente sul lavoro: le immagini social infiammano il dibattito sulla sicurezza

"Si tratta di un riconoscimento di prestigio, per il Carnevale di Ascoli e le sue tradizioni, che ci regala grande soddisfazione, – evidenzia Olori – considerando anche che siamo tra le poche manifestazioni in Italia ad avere inserito, nel Registro italiano, ben due maschere storiche. Una gratificazione che, al tempo stesso, conferma  il valore del nostro Carnevale nello scenario nazionale".

 

Il Registro storico delle maschere Italiane è una iniziativa del Centro nazionale di coordinamento delle maschere italiane, presieduta da Maurizio Trapelli, che si pone l’obiettivo di definire e promuovere le maschere che hanno arricchito la cultura del popolo, simbolizzando ed eternando nei secoli la storia e la cultura antropologica dei vari territori italiani. Il Registro vuole essere uno “scrigno culturale” che riconosce ed ufficializza le maschere, sia quelle storiche riconosciute nei secoli dalla cultura italiana che quelle allegoriche espressioni delle tipicità dei vari territori.

 

Buonumor Favorito, maschera che ogni anno anima il Carnevale ascolano, è un uomo come tutti gli altri, ma con la differenza che il suo apparire è gioia universale: agli squilli della sua trombetta, tutti rispondono con evviva, grida e schiamazzi. Ha un cappello a quattro punte, abito a brache, panciotto metà giallo e metà turchino, le calze una nera ed una bianca ed una larga sciarpa rossa. Rappresenta una matta allegria, pacifica, buona, ordinata, fino a quando le troppe copiose libagioni non lo turbano. Un personaggio che deriva certamente dalla classica tipizzazione di maschera comica, tipica dei servi sempliciotti e ingenui lontani parenti degli Arlecchini e Pulcinella.


Lu Sfrigne, è una di quelle maschere di strada che garantiscono alla manifestazione ascolana la sua dimensione più esaltante e partecipata. Rappresenta la vera anima popolare: vestito di stracci multicolori, un grande ombrello pieno di aringhe puzzolenti che offre alla gente tra battute e storielle popolari, povero ma allegro, la fa da padrone e anima con ironia e festosa arguzia tutte le altre maschere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA