È ubriaco, si mette a dormire in strada. Al risveglio palpeggia la soccorritrice: avance a una volontaria della Croce Gialla

È ubriaco, si mette a dormire in strada. Al risveglio palpeggia la soccorritrice: avance a una volontaria della Croce Gialla
È ubriaco, si mette a dormire in strada. Al risveglio palpeggia la soccorritrice: avance a una volontaria della Croce Gialla
di Stefano Rispoli
3 Minuti di Lettura
Martedì 21 Giugno 2022, 06:25 - Ultimo aggiornamento: 08:58

ANCONA - Era steso sul marciapiede, apparentemente privo di sensi e sotto effetto di una pesante sbornia. Quando un equipaggio della Croce Gialla di Ancona, di passaggio in zona, si fermato e si è avvicinato per verificare le sue condizioni, lui si è subito risvegliato e, alterato dall’alcol, ha tentato di palpeggiare una delle soccorritrici. 

Insulta il medico perchè è di colore e si inventa anche una violenza sessuale: romena 52enne rischia condanna pesante

 
Le avance
La trentenne, grazie anche all’esperienza maturata nella sua carriera da volontaria sulle ambulanze nel servizio di 118, ha subito capito l’antifona e si è scostata non appena l’ubriaco le si è avvicinato con l’intento di toccarla. La militessa della Croce Gialla non ha perso il controllo e, anzi, ha aiutato i colleghi a contenere il giovane su di giri, in attesa dell’arrivo dei rinforzi. È accaduto domenica sera in via Giordano Bruno, al Piano, quartiere dove da marzo vige il divieto assoluto di bere alcolici in strada, a qualsiasi ora del giorno e della notte, in virtù dell’ordinanza emessa dal sindaco Valeria Mancinelli. Un provvedimento che, a tal proposito, scadrà tra nove giorni, ma che il Comune intende prorogare, ritenendo che abbia sortito importanti effetti per contrastare il degrado e l’abuso di alcol nel quartiere del Piano. 


L’ordinanza 
Anche per questo ora rischia una multa il trentenne romeno che l’altra sera, poco dopo le 20, è stato trovato semi svenuto in via Giordano Bruno da un equipaggio della Croce Gialla che stava tornando alla base per la sanificazione dell’ambulanza, dopo aver trasportato un paziente Covid. Dopo le sgradite avance alla volontaria, il ragazzo ubriaco è stato preso in carico da un altro mezzo del 118 per essere trasportato all’ospedale di Torrette per accertamenti. Insieme all’ambulanza è intervenuta una pattuglia della polizia per l’identificazione del trentenne che potrebbe essere sanzionato alla luce dell’ordinanza anti-alcol. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA 

© RIPRODUZIONE RISERVATA