Maestra in prognosi riservata: la 50enne da venerdì è sottoposta a una terapia contro la meningite batterica

Martedì 21 Gennaio 2020
Maestra in prognosi riservata: la 50enne da venerdì è sottoposta a una terapia contro la meningite batterica

SENIGALLIA - Resta riservata la prognosi per la 50enne senigalliese colpita da una meningite batterica. Le sue condizioni sono stabili ma è ancora grave. La maestra è cosciente ma molto debole. E’ stata proprio lei venerdì mattina presto a volersi recare al pronto soccorso. Non ha chiamato un’ambulanza ma si è presentata nel reparto di emergenza lamentando una forte febbre che da giorni non accennava a diminuire. I farmaci che abitualmente si prendono per contrastare l’influenza con lei non sembravano funzionare. Eppure in passato si era sempre affidata a quelli. Ha quindi capito subito che qualcosa non andava e che non si trattava di un malanno di stagione.

Era proprio così. Aveva infatti la meningite batterica da meningococco. La più pericolosa. Questa la diagnosi dei sanitari senigalliesi che hanno poi disposto il suo trasferimento nell’ospedale di Fermo, dove si trova ricoverata. E’ stabile. La terapia sta comunque funzionando bene perché, in caso contrario, sarebbe sicuramente peggiorata. Questo è un dato positivo. Non appena la prognosi verrà sciolta sarà informato anche il servizio di prevenzione dell’Area Vasta 2 che ha seguito la profilassi. Ieri non ne aveva avuto notizie. Intanto una novantina di persone sono state sottoposte a profilassi, che consiste in una cura antibiotica. Si tratta dei contatti stretti della donna, che insegna in una primaria di una frazione senigalliese. Lei non era vaccinata per la meningite. Nessun altro caso si è verificato da venerdì.

© RIPRODUZIONE RISERVATA