Alluvione di Senigallia, undici indagati
Sotto accusa Mangialardi e Angeloni

Giovedì 24 Agosto 2017
Alluvione di Senigallia, undici indagati Sotto accusa Mangialardi e Angeloni

SENIGALLIA - Non era pronto il comune di Senigallia a fronteggiare un’alluvione come quella del 3 maggio 2014 che provocò tre morti e inondò circa 5.000 abitazioni. Colpa, almeno secondo la procura, di un piano di protezione civile lacunoso (forse anche a seguito del restringimento del Piano di assetto idrogeologico deciso nel 2004) che non indicava nemmeno le soglie di livello del fiume Misa che avrebbero dovuto scandire le tre fasi dell’emergenza: attenzione, preallarme e allarme. Il piano prevedeva che alla soglia d’allarme suonassero le sirene, ma i dispositivi sonori - a quanto pare - non erano stati predisposti.

Era pure previsto che alcuni punti d’osservazione fossero controllati a vista, in caso di forti piogge, ma non era spiegato bene dove fossero le postazioni, tanto che in quella tragica mattinata i vigili urbani percorsero le sponde senza riferimenti certi. E dunque anche la fase acuta dell’emergenza - così almeno la pensano i pm Irene Bilotta e Rosario Lioniello - non venne gestita in modo inappuntabile. Per queste ragioni il sindaco Maurizio Mangialardi del Pd, in carica da sette anni, è indagato insieme a Luana Angeloni, primo cittadino dal 2000 al 2010, e a nove tecnici e funzionari di Comune, Provincia e Regione che, per le posizioni ricoperte all’epoca, giocarono un ruolo nel sistema di protezione civile nel territorio di Senigallia. 

Ultimo aggiornamento: 11:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA