Troppi rischi, studenti trasferiti
«Torneranno a metà febbraio»

Troppi rischi, studenti trasferiti «Torneranno a metà febbraio»
2 Minuti di Lettura
Martedì 23 Gennaio 2018, 09:59

FABRIANO - «Un confronto servito per rispondere ad una richiesta semplice da parte dei genitori: la necessaria trasparenza in merito alla sicurezza della media Giovanni Paolo II. Una trasparenza che abbiamo portato ieri sera alla riunione e che ci ha permesso di chiarire i dubbi dei genitori». Così il sindaco Gabriele Santarelli, a margine dell’incontro di ieri pomeriggio con dirigente dell’istituto comprensivo Aldo Moro e rappresentanti dei genitori della scuola media Giovanni Paolo II. Presenti i rappresentanti dei genitori degli alunni delle quinte elementari, pronti al grande passo verso la scuola media. 
 
Un incontro convocato nei giorni scorsi a seguito della comunicazione dell’inagibilità di due aule della scuola media. Mercoledì la scoperta di un ammaloramento di un solaio del piano terra di un’aula e di un pilastro (danni scoperti durante le verifiche di vulnerabilità sismica del plesso) e l’immediata ordinanza firmata dal primo cittadino per bloccare l’utilizzo delle due aule (piano terra e primo) già operativa dal giorno successivo, giovedì. Un trasferimento che nelle ore immediatamente successive aveva generato qualche preoccupazione tra i genitori, con qualche voce critica a chiedere un immediato trasferimento di tutti gli studenti e non solo dei 40 coinvolti presso l’ex sede del liceo classico di via Buozzi. Un trasloco forzato in altre due aule del plesso scolastico della Giovanni Paolo II, come ha ricordato più di una volta l’Assessore ai lavori pubblici Cristiano Pascucci, non collegato alle scosse sismiche e non legato ai sopralluoghi del terremoto. «Le verifiche in corso alla Giovanni Paolo II si sarebbero svolte anche in assenza di eventi sismici», ha ribadito in più di un’occasione l’Assessore anche durante il confronto con i genitori. Incontro voluto con forza per cercare ancora una volta di offrire rassicurazioni ai genitori. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA