Rsa Santa Caterina allo stremo: «In servizio solo un’infermiera»

Venerdì 30 Ottobre 2020 di Marco Antonini
Rsa Santa Caterina allo stremo: «In servizio solo un’infermiera»

FABRIANO  - Il Covid-19 è entrato ancora in maniera più massiccia all’interno della residenza protetta di Santa Caterina. Nell’Azienda pubblica di Servizio alla Persona Vittorio Emanuele II sono aumentati i positivi, ma non solo tra i nonnini ospiti della storica struttura situata nel cuore di Fabriano, anche tra il personale in servizio. Sono numeri in continuo aggiornamento che faranno tenere alta l’attenzione anche nei prossimi giorni. 

LEGGI ANCHE:

Centro per disabili: 7 positivi su 17: tutti gli ospiti sono asintomatici

 

 
I positivi al coronavirus fra gli ospiti sono saliti (da 42) a 52 su 55. Poi su 40 dipendenti (tra cui infermieri e oss) 30 risultano positivi al Covid, altri cinque sono in malattia. Una situazione che preoccupa. Arrivato nuovo personale per il turno iniziato ieri sera. «Abbiamo a disposizione solo un’infermiera – dice il presidente, Giampaolo Ballelli. - Se non ci inviano personale, esercito o protezione civile, non riusciremo domani (oggi per chi legge) a garantire i livelli minimi di assistenza». Con il peggioramento della situazione, infatti, c’è da fare i conti con le unità in servizio. Nelle ultime ore si sono aggiunti 10 positivi in più tra gli anziani e 30 dipendenti. Gli ospiti della struttura sono tutti sintomatici, 3 sono ricoverati in ospedale fuori città. Chi è ancora a Santa Caterina si trova in isolamento. «Al momento a disposizione per tutti i nostri ospiti c’è un’infermiera. È chiaro che è impossibile garantire il livello minimo di assistenza» conferma Ballelli che ieri ha lanciato un appello.

 

«Se a breve non ci vengono inviati aiuti in termini di personale, siamo al collasso. Serve il coinvolgimento della Protezione civile o dell’Esercito. Ho inviato una comunicazione in Prefettura. Siamo da tre giorni in trincea, ma non posso fare né l’oss, né l’infermiere». E’ un continuo aggiornamento a Santa Caterina. Intanto mercoledì il dipartimento di prevenzione di Igiene e Sicurezza negli ambienti di vita della Regione ha fatto un sopralluogo. «Sono state verificate tutte le misure che abbiamo implementato per salvaguardare ospiti e personale. Sui 30 punti di screening relativi alle misure, il dipartimento li ha giudicati in modo positivo, vale a dire correttamente implementati. E’ stato scritto nella relazione che sono state attivate tutte le linee guida nazionali e regionali di prevenzioni. Il virus, però, ha dilagato all’interno della residenza protetta. Tutti gli ospiti – prosegue - sono chiusi nelle rispettive stanze ed hanno bisogno di assistenza, non sappiamo come fare. Il mio è un appello: fate presto». 


Il sindaco di Fabriano, Gabriele Santarelli, monitora la situazione. Aveva già scritto una lettera a Regione, Asur e prefetto per chiedere di potenziare il personale nella struttura «senza depauperare il servizio Territoriale impegnato nello svolgimento dei tamponi». Il primo cittadino ha fatto sapere che è stato individuato il personale, sia oss che infermieri, per il turno notturno di ieri e per la giornata di oggi. Nei prossimi giorni l’Asur provvederà all’assunzione di nuovo personale. In merito al cluster presso la comunità La Buona Novella dove sono state già accertate 7 positività tra gli utenti spiega che «è tutto sotto controllo ed è arrivato il personale infermieristico mancante, a supporto della struttura». L’appello delle istituzioni fabrianesi, oggi in modo particolare, è di rispettare tutte le norme per evitare la diffusione del covid ed evitare di appesantire i servizi ospedalieri già sotto sforzo. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA