Il focolaio dopo la festa in discoteca spinge in alto i contagi. Niente pista di pattinaggio e mercatini in centro

Il focolaio dopo la festa in discoteca spinge in alto i contagi. Niente pista di pattinaggio e mercatini in centro
Il focolaio dopo la festa in discoteca spinge in alto i contagi. Niente pista di pattinaggio e mercatini in centro
di Marco Antonini
3 Minuti di Lettura
Venerdì 17 Dicembre 2021, 07:35 - Ultimo aggiornamento: 18 Dicembre, 08:48

FABRIANO - Preoccupa, nel Fabrianese, la movida. Potrebbe esserci anche una serata di divertimento in una discoteca del comprensorio, fuori provincia, all’origine dell’impennata di casi di Covid-19 a Fabriano e comprensorio.

La positività al Coronavirus, infatti, è schizzata, nel giro di pochissimi giorni, da una sessantina di “positivi attuali” di lunedì ai 139 di mercoledì, per scendere ai 109 di ieri pomeriggio, secondo il sito della regione, segno che sono state accertate molte guarigioni nelle ultime ore. L’attenzione, quindi, non è solo rivolta al mondo della scuola (18 classi in quarantena tra Fabriano e Sassoferrato), ma anche al tempo libero, quando rispettare le regole diventa più difficile. Ora, poi, arrivano le feste. A Fabriano la Giunta ha scelto di non predisporre nessun mercatino natalizio in centro storico e non ha disposto l’istallazione, per il secondo anno consecutivo, della pista di pattinaggio. Sarà un Capodanno a teatro quello offerto dall’Amministrazione comunale alla città di Fabriano. Sarà questo l’unico appuntamento in agenda, oltre a feste private, nella città della carta. In piazza del Comune, infatti, dove molti hanno criticato l’addobbo natalizio considerato troppo minimal e l’albero colorato perché di dimensioni troppo piccole, non è stata messa, nemmeno quest’anno, la pista di pattinaggio. «Un modo per cercare di contenere la pandemia da Covid-19 nel periodo natalizio ed evitare assembramenti» dice il sindaco, Gabriele Santarelli, che si appella al rispetto delle norme in vigore come distanziamento, mascherina e igiene delle mani. «Al momento, da parte del Comune, non è prevista nessuna ordinanza tra Natale e Capodanno. A prevalere dovrà essere il senso civico di ognuno», prosegue il primo cittadino. Un messaggio particolare rivolto ai giovani, visti i casi in aumento, anche tra gli studenti. Nei giorni scorsi sembrerebbe che ci sia stata anche una serata di divertimento in una discoteca, non a Fabriano, all’origine dell’impennata dei casi di positività accertati recentemente e di cui Asur sta effettuando il tracciamento. Intanto carabinieri, polizia e polizia locale hanno potenziato i controlli per verificare l’applicazione della normativa sia nei luoghi più sensibili, come parchi pubblici e centro storico, che negli esercizi commerciali, con personale in divisa e in borghese. Confermato il presepe vivente di Frasassi di Genga, ma non quello di Precicchie.

© RIPRODUZIONE RISERVATA