Portonovo torna a vivere: da lunedì apre la baia: Via all'asta per 30 cabine

Portonovo torna a vivere: da lunedì apre la baia: Via all'asta per 30 cabine
Portonovo torna a vivere: da lunedì apre la baia: Via all'asta per 30 cabine
di Roberto Senigalliesi
4 Minuti di Lettura
Giovedì 14 Maggio 2020, 03:45 - Ultimo aggiornamento: 19:28

ANCONA - Il governatore Luca Ceriscioli non molla sugli stabilimenti balneari. Nonostante la discrepanza sostanziale tra le regole fissate nei protocolli regionali e quelle dettate dall’Inail, il presidente delle Marche è deciso ad andare avanti sulla strada intrapresa convinto che la sicurezza sia ampiamente garantita con i distanziamenti studiati.

LEGGI ANCHE:
Coronavirus, più di 200 guariti in un giorno e Marche ormai prossime ai "contagi zero". Tranne che a Pesaro

Coronavirus, vietato annegare: i bagnini non potranno effettuare la respirazione bocca a bocca


Ma per i balneari è stata comunque una doccia gelata, che ha gettato nello sconforto anche gli operatori balneari di Portonovo, dove tra l’altro arrivano notizie anche per quanto riguarda la riapertura dei parcheggi a valle e del campeggio comunale. La spiaggia riaprirà lunedì ed è pronta a partire in Comune anche l'asta per le 30 cabine.
 
Ma andiamo per ordine, partendo dagli stabilimenti. «Già stavamo pensando ad uno spazio di tre metri per fila e 3,5 per ombrellone - afferma Gianni Boriani dello stabilimento Franco - e questa ulteriore novità ci lascia di stucco. Seguendo le indicazioni della Regione nel nostro stabilimento perderemmo 20 ombrelloni su 100 totali, mentre con il protocollo Inail la perdita sarebbe la metà. Un duro colpo. Speriamo in una mediazione. Cosa succederebbe se non avvenisse? Per rispetto della clientela, che chiede ogni giorno informazioni ed ha tanta voglia di mare, penso che apriremmo comunque ma sarà veramente dura. Fra le due ipotesi cambia radicalmente la prospettiva».
Le direttive
Concetti ribaditi da Maurizio Sonnino, della Capannina. «A questo punto non sappiamo più cosa dire e cosa fare. Ogni giorno cambia tutto ed il contrario di tutto e siamo stanchi di dare false speranze ai nostri clienti. Avevo detto no a tutti gli stagionali, poi la decisione della Regione mi aveva fatto cambiare idea. Ora se dovesse passare l’ipotesi Inail dovrei ritornare ancora indietro visto che con quella limitazione potrei utilizzare solo la metà degli ombrelloni (270 lo scorso anno, di cui 230 stagionali). Per cui, non potendoli accontentare tutti dovrei ritornare al punto di partenza. Quello che manca- conclude- è la certezza di come ricominciare. Incertezza che riguarda anche il controllo a monte per la discesa a Portonovo e direttive precise sulla ristorazione».
I servizi
Per quanto riguarda gli altri servizi da lunedì, in coincidenza con la riapertura dell’accesso alla baia annunciata dal sindaco Mancinelli, saranno accessibili a pagamento i parcheggi a valle (Lago Grande e Torre) alle stesse tariffe dello scorso anno, gestiti sempre dalla Marche Global Service come da apposita convenzione. «Ovviamente gli operatori - informa il responsabile Edoardo Chiodoni - saranno dotati di misure di prevenzione. Mentre non si sa ancora nulla per quanto concerne il parcheggio a monte, legato anche alla rimodulazione del sistema di trasporto del bus navetta». 
Il camping
Novità anche per il campeggio comunale della torre. Riaprirà il 29 maggio, assieme all’annesso ristorante (che farà anche cibo d’asporto). «Avremo entrate separate ed una divisione interna fra le due strutture per non far entrare in promiscuità le due tipologie di clienti- spiega il referente Rodolfo Chiodoni-. Chi va in campeggio dovrà fornire un’autocertificazione di non essere affetto da Covid e gli misureremo la temperatura. Già abbiamo una ventina di prenotazioni stagionali e contiamo di mantenere comunque le 60 postazioni dello scorso anno, visto che non abbiamo carenza di spazi. Oggi apriremo anche l’asta per le 30 cabine che insistono dietro Il Clandestino. L’obbiettivo è di poterle assegnare ai primi di giugno, e fino al 30 settembre, e per evitare assembramenti l’apertura delle buste avverrà in Comune, senza la presenza degli interessati». Nel frattempo è iniziata la pulitura delle spiagge, la cura del verde e degli stradelli sia a Portonovo che a Mezzavalle, sempre a cura della Marche Global Service. Ricordiamo, infine, che sabato e domenica il ristorante Il Laghetto cucinerà cibo d’asporto, su prenotazione. Servizio già attivo il venerdì, sabato e domenica nel ristorante Pesci Fuor D’Acqua, in piazzetta. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA