Ancona, troppe buche: i residenti scendono in strada e bloccano la polizia locale. «L'asfalto è un disastro»

Ancona, troppe buche: i residenti scendono in strada e bloccano la polizia locale. «L'asfalto è un disastro»
Ancona, troppe buche: i residenti scendono in strada e bloccano la polizia locale. «L'asfalto è un disastro»
di Claudio Comirato
2 Minuti di Lettura
Giovedì 1 Dicembre 2022, 04:20 - Ultimo aggiornamento: 15:55

ANCONA - L’asfalto è talmente disastrato che i residenti, stanchi delle tante promesse e segnalazioni a vuoto, scendono in strada e bloccano una pattuglia della Polizia locale. L’insolita protesta è andata in scena nella parte alta di via Piave dall’incrocio con via Isonzo fino all’intersezione con via Trieste, angolo via De Bosis.

 

Le criticità


Un tratto di strada devastato da buche e crateri, e come se non bastasse sul tratto iniziale di via Piave a scendere sono stati fatti degli scavi per la messa in posa di alcuni sottoservizi. Canalizzazioni che non sono poi state richiuse a regola d’arte, e così oltre a crateri e avvallamenti, al centro della strada corre questa sorta di depressione a causa del cedimento dell’asfalto. I residenti in passato avevano organizzato una raccolta firme poi consegnata in Comune, in seguito alla quale l’amministrazione aveva deciso di asfaltare via Piave. Ma il restyling ha interessato il solo tratto di strada pianeggiante tra via Giannelli e via Trieste. Ora la situazione è precipitata, tanto che nella parte alta ogni volta che passa un autobus tremano porte e finestre di casa, soprattutto ne pagano le conseguenze i residenti ai piani bassi dei palazzi. Esasperati per i soli annunci e per le tante, troppe promesse non mantenute, i residenti hanno rotto ogni indugio, sono scesi in strada ed hanno bloccato una pattuglia della Polizia municipale chiedendo che venga redatto un verbale dove si mettano nero su bianco lo stato di conservazione del manto stradale e quanto potrebbe essere pericoloso, soprattutto per i pedoni e chi viaggia con il motociclo. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA