Ancona, arresto per usura e estorsione
Un artigiano era sull'orlo del suicidio

Sabato 13 Agosto 2016
La consegna del denaro nel filmato dei carabinieri

ANCONA - Blitz anti-usura dei  carabinieri di Ancona che hanno tratto in arresto un uomo di 38 anni,  Fiorindo Di Rocco, ritenuto responsabile del reato di  usura ed estorsione aggravata.

L’ indagine ha avuto inizio a luglio, con la denuncia sporta dalla vittima presso la Stazione Carabinieri di Ancona-Brecce Bianche, esasperata dalla situazione economica in cui versava: l'artigiano è stato costretto nel corso dell’ultimo periodo a vivere in uno stato di indigenza, che lo ha portato anche a tentare più volte il suicidio. Era costretto a pagare interessi che i carabinieri hanno quantificato nel 170% del denaro prestato. 

Dai  servizi di osservazione e pedinamento e dalle attività tecniche  svolte è emerso  un quadro nitido che ha portato all’arresto in flagranza di Di Rocco, che è stato bloccato mentre riscuoteva dalla vittima una somma di denaro a fronte di un prestito contratto qualche anno prima. Il gip ha convalidato l'arresto di Di Rocco e gli ha concesso i domiciliari con l'obbligo di portare il braccialetto elettronico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA