Ancona,tuffi vietati dal molo
scatta il blitz della guardia costiera

Tuffi vietati dal molo
Scatta il blitz in spiaggia
della guardia costiera
ANCONA - C’è voluta la guardia costiera per sedare gli animi surriscaldati dal caldo e dal troppo sole. Anche se, una volta allontanatasi la motovedetta, la situazione è ritornata quella precedente, ovvero è ripreso il rito dei tuffi, ufficialmente vietati, dal molo di Portonovo. Quasi una rissa verbale, ieri mattina nella baia, tra i diversi ragazzi e qualche loro genitore e chi ha provato ad alzare la voce per mettere fine ad un esercizio che rischia di diventare veramente pericoloso. Considerazioni in libertà dall’una e dall’altra parte ed animi che si sono ben presto riscaldati tanto che è stato chiesto l’intervento proprio della guardia costiera per ridurre alla ragione ragazzi e adulti, che continuano imperterriti a prodursi nei loro zucchetti mettendo a repentaglio la propria e l’altrui incolumità. La guardia costiera, che in questi giorni sta dando corso all’operazione Mare sicuro, è intervenuta con la motovedetta, con la quale pattuglia il mare in questi affollatissimi giorni di agosto in cui sono veramente tanti i natanti che stazionano al largo delle coste di Mezzavalle e Portonovo ed hanno cercato di far capire che è pericoloso tuffarsi. 

Giovedì 10 Agosto 2017, 09:54 - Ultimo aggiornamento: 10-08-2017 09:54

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO