Baby gang scatenate per vendetta
Il parapiglia riaccende l’allarme

Giovedì 20 Ottobre 2016
Baby gang scatenate per vendetta Il parapiglia riaccende l’allarme

ANCONA - Ore decisive al Comando della Polizia Municipale dove gli agenti del Nucleo di Polizia Giudiziaria in queste ore stanno ricostruendo la rissa avvenuta sotto i portici di piazza Cavour. Cercano conferme alle prime ipotesi della dinamica: un minorenne seduto ai tavolini di un bar con tre amici dello stesso gruppo, un maggiorenne che fa parte di un’altra banda che passa e litiga con il ragazzino. Poi scoppia la rissa tra i componenti di gang diverse. I genitori dell’adolescente colpito hanno sporto denuncia nei confronti del giovane che ha spedito il figlio al Pronto soccorso con dieci giorni di prognosi.

Gli agenti del Nucleo Pg dei vigili indagano per capire le cause che hanno portato al parapiglia. Alcuni dei giovani che hanno scatenato il caos sotto i portici di piazza Cavour erano gia noti al Comando essendo già stati identificati durante i controlli relativi alle baby gang che imperversano in centro. In un clima di omertà sono diverse le piste aperte. La maxi rissa potrebbe essere stata provocata da uno sguardo di troppo, o da una rivalità per una ragazzina, o questioni rimaste in sospeso e risolte a calci e pugni in una specie di regolamento di conti, scene da far west in pieno centro. Si riaccende l’allarme rosso della violenza tra i ragazzini.

Il timore degli investigatori è che il parapiglia sotto i portici di piazza Cavour non resti un fatto isolato ma che possa invece rappresentare il prologo di una nuova stagione di scorribande dei ragazzini terribili nel cuore della cità. Il sospetto di una recrudescenza spinge gli agenti a tessere la trama di rapporti tra i giovanissimi borde line, per cercare collegamenti tra i protagonisti della mega rissa di piazza Cavour e i giovanotti facinorosi che nei mesi scorsi hanno terrorizzato residenti e commercianti del centro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA