Ubriaco prende a calci e pugni un portone, poi insulta i poliziotti e rifiuta di mettersi la mascherina

Domenica 23 Gennaio 2022
I controlli della polizia in corso Garibaldi

ANCONA - Ubriaco, prende a calci e pugni un portone. All'arrivo della polizia, inizia a insultare e bestemmiare rifiutando di metterse la mascherina anti Covid. Alla fine della notte brava, è scattata una maxi denuncia per un leccese.

È successo nella notte, intorno all.1.15 quando le Volanti della Questura, nel consueto turno di controlli sul territorio, sono intervenute in via Curtatone 10 dove hanno intracciato un cittadino italiano, originario di Lecce, che per motivi ancora non chiari,  aveva danneggiato con calci e pugni il portone, nel tentativo di entrare nello stabile.

L'uomo alla vista degli agenti cominciava ad inveire, offendere e bestemmiare. Proseguendo nell'intervento rifiutava di fornire documenti e le sue generalità, nonché di indossare dispositivi di protezione anticovid. È stato così  denunciato per resistenza, rifiuto di fornire documenti e danneggiamento nonché sanzionato per mancato rispetto delle norme anticovid.

Nel corso dei controlli sono state identificate 445 persone e 92 veicoli controllati con appositi posti di blocco nelle vie cittadine. Undici soggetti sono stati accompagnati in Questura per identificazione e 4 sanzionati per mancato rispetto delle norme anticovid.

In piazza Roma, è stato fermato un 18 enne  di Castelfidardo colpito da foglio di via obbligatorio da Ancona, perché considerato pericoloso per l'ordine e la sicurezza pubblica. È stato perciò denunciato a piede libero per mancata ottemperanza all'ordine di allontanamento del Questore.

Ultimo aggiornamento: 24 Gennaio, 08:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA