Insulta, prova a colpire i poliziotti lungo il corso e tenta invano la fuga: extracomunitario in manette

Lunedì 22 Febbraio 2021
Insulta, prova a colpire i poliziotti lungo il corso e tenta invano la fuga: extracomunitario in manette


ANCONA - Un fine settimana molto movimentato quello appena trascorso. Controlli a tutto tondo da parte della Polizia di Stato sul territorio di Ancona e provincia per la prevenzione dei reati e per il rispetto delle misure anti covid.


Controllate in totale 215 persone e 13 esercizi commerciali. Elevate tre contravvenzioni ai sensi dell'art. 4 D.L.19/2020: in particolare sabato notte intorno all'una arrivava in sala operativa la telefonata di un cittadino che chiedeva  l'intervento della Volante in quanto sentiva un gran vociare in un ristorante in corso  Carlo Alberto.
Sul posto vi erano tre cittadini di origine peruviana che dichiaravano di lavorare in quel ristorante ma al controllo non avevano alcuna documentazione che comprovasse ciò che affermavano ed erano tutti residenti a Roma.
Pertanto venivano sanzionati per non aver rispettato le norme previste dal DPCM, inoltre uno dei tre oltre ad aver declinato le sue generalità, false, visibilmente era in stato di alterazione alcolica e così veniva multato. Ora tutti gli accertamenti sul locale saranno approfonditi dalla Divisione Amministrativa della Questura.


Nel pomeriggio di ieri una Volante che transitava per il consueto controllo del territorio notava un assembramento di extracomunitari nei pressi di un locale in Corso Carlo Alberto e decideva di operare un controllo.
All'atto del controllo uno di loro si frapponeva tra i poliziotti e il resto del gruppo e iniziava a gridare parolacce nei confronti degli agenti  e a sbracciare e cercava di darsi alla fuga spintonando un poliziotto, dimenandosi e incitava gli altri a fare altrettanto. L'uomo, classe '97 veniva pertanto fermato e portato in Questura e arrestato per resistenza oltraggio e lesioni e posto a disposizione dell'AG. Tutti gli altri 6 uomini venivano sanzionati per non aver rispettato  le misure anticovid.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA